Decima stagione in A per Veronica Bisconti, versiliese per amore

CAMAIORE. Nuovo cambio di casacca per il libero nostrano Veronica Bisconti che per la stagione 2021-2022 di pallavolo vestirà i colori della Lpm Bam Mondovì: nata a Rimini nel 1991, Veronica è versiliese di adozione da anni per amore del libero camaiorese Federico Tosi con cui nel 2018 è convolata a nozze.

La prossima sarà per Bisconti la decima stagione in serie A (con sei campionati in massima serie) e se in un primo momento con la conquista della Coppa Italia, proprio ai danni di Mondovì, la riconferma alla CBF Balducci HR Macerata sembrava quasi fatta, qualcosa a fine campionato è cambiato e Veronica è tornata sul mercato: «Il mancato rinnovo è stata una sorpresa, perché la società mi aveva fatto capire di volermi riconfermare, poi a fine campionato è cambiato qualcosa – ha detto Veronica che spiega –, non me la sento di dirti cosa e non è giusto che venga scritto su un giornale, la società ha deciso di rivoluzionare totalmente la squadra, una decisione che a malincuore va accettata». Come è avvenuto il passaggio a Mondovì?: «Abbiamo giocato tante volte contro e mi hanno sempre fatto capire il loro gradimento nei miei confronti come giocatrice, poi quando hanno saputo che ero sul mercato, mi hanno contattato. È una società che mi ha sempre ispirato, nel senso che le ragazze che ci hanno giocato me ne hanno sempre parlato molto bene. Anche da fuori sembra una società molto solida e familiare, spero di trovare un bel ambiente». Difficile ad oggi stabilire obiettivi precisi: «Gli obiettivi saranno sicuramente di far bene, provare a toglierci qualche soddisfazione, non voglio sbilanciarmi perché come si è visto da questo campionato le squadre si equivalgono, parecchie puntano a far bene ed essendo un campionato molto lungo non è detto che se fai una squadra per la promozione tu ci riesca. Le partite sono veramente tante». Da poco ufficializzata, Bisconti è già stata ben accolta dai tifosi: «Mi ricordo il pubblico di Mondovì perché ci ho giocato quando ero a Soverato, si è sempre caratterizzato per un bel tifo e già dall’annuncio della mia firma a Mondovì ho cominciato a ricevere parecchi messaggi di benvenuto dai tifosi. Si prospetta un tifo molto caloroso e che segue molto la squadra, sperando che ci sia la possibilità di averli al palazzetto».


L’assenza di pubblico, per le normative legate alla pandemia in corso, è stata uno dei fattori caratterizzanti della stagione passata, che ha però portato anche una bella soddisfazione con la Coppa Italia: «È stata una stagione molto complicata sia a livello fisico che a livello mentale perchè ci sono stati periodi in cui noi personalmente non abbiamo giocato per un mese intero, poi quando abbiamo ripreso ci sono state gare rimandate perché altre squadre erano ferme. E stato un tira e molla molto complicato sia a livello fisico che mentale. La conquista della Coppa Italia è stata più bella anche per questo, perché è una soddisfazione che va oltre la Coppa in se, che guarda il percorso fatto, come ci siamo arrivate, attraverso le difficoltà. Vincere con il gruppo che eravamo a Macerata è stato ancora più soddisfacente». Anche la prossima sarà per Veronica una stagione lunga e difficile: «Le partite sono tante, le squadre dovrebbero essere lo stesso numero anche quest’anno e quindi mi aspetto una stagione lunga ed impegnativa e spero altrettanto bella di quella passata, non solo dal punto di vista sportivo ma anche umano. Spero di trovare un bel gruppo come lo eravamo quest’anno. Mi hanno parlato tutti molto bene dell’allenatore, molto bravo sia come tecnico che come persona. Spero di ricreare qualcosa anche al di là dell’aspetto di vittorie sportive». —

Nicoletta Dati

© RIPRODUZIONE RISERVATA