L’hockey si spacca sulla Superlega

Il Forte dei Marmi si iscrive all’Eurolega, le grandi di Spagna e Portogallo no. Ora tutto può succedere

Gabriele Buffoni

Forte dei Marmi. È scontro aperto in Europa tra World Skate (il comitato internazionale ufficiale) e Ehca (la European Hockey Club Association, la "superlega" dell'hockey su pista europeo). Le società facenti parte dell'Ehca hanno infatti disertato l'iscrizione all'Eurolega. Tutte - compresi i colossi Barcellona, Liceo, Sporting, Benfica, Porto - tranne il Forte dei Marmi.


Ma andiamo con ordine. Il termine per l'iscrizione alle competizioni europee (Eurolega e Wse Cup) era fissato alla mezzanotte di domenica. A tempo scaduto, solo cinque sono state le iscrizioni regolarmente presentate: le tre italiane Forte dei Marmi, Lodi e Trissino, La Vendéenne (Francia) e il Diessbach (Svizzera). Tutte le altre squadre aventi diritto (spagnole e portoghesi, tutte membri dell'Ehca) hanno aderito alla protesta sancita dalla nuova "superlega". Una presa di posizione netta arrivata «dopo gli incontri tenutisi tra World Skate e Ehca il 16 giugno, il 22 giugno, il primo luglio e il 21 luglio. Il comitato World Skate - si legge nel comunicato - non ha commentato il riconoscimento dell'Ehca come co-organizzatore dell'edizione 2021-22 della principale competizione continentale per club. La European Hockey Club Association manterrà un'apertura in modo che, in un prossimo futuro, il Wse possa mostrarsi disponibile a raggiungere un accordo: Ehca è sempre stata disposta a organizzare l'Eurolega sotto l'egida del comitato internazionale. Nonostante questo però siamo anche pronti ad iniziare la competizione da soli nel mese di settembre, contando su tutti i club aderenti e anche sulle squadre che si sono qualificate sul campo».

Lo strappo appare netto e potrebbe portare le stesse società - in caso di creazione di una competizione parallela - all'esclusione dalle competizioni nazionali (che restano sotto l'egida del comitato europeo).

Eppure non è stata una decisione unanime: il Forte dei Marmi parteciperà infatti all'Eurolega. Una decisione, questa, che sicuramente farà discutere. Anche perché la società rossoblù è sempre stata convinta sostenitrice della nuova associazione europea fin dai suoi albori. «Siamo da sempre solidali e in linea con il progetto Ehca - confermano da via Ferrucci - tant'è che abbiamo aderito all'associazione nonostante le nostre numerose richieste rivolte alla Fisr per chiarire la posizione della Federazione rispetto all'Ehca non abbiano ottenuto riscontro. Tuttavia abbiamo ritenuto giusto, coerente e opportuno iscriverci all'Eurolega per la prossima stagione indipendentemente da quanto fatto da tutti gli altri club appartenenti alla Ehca: pur confermando il nostro appoggio al progetto finalizzato a far sì che alle società venga garantita la dignità e la libertà che troppo spesso è venuta loro a mancare in campo europeo, abbiamo voluto ancora una volta essere rispettosi delle istituzioni che oggi governano l'hockey continentale. Questo perché è nostro auspicio che World Skate ed Ehca trovino un accordo che porti quest'ultima a occuparsi dell'organizzazione della prossima Eurolega e riporti a concorrere le squadre che oggi fanno parte dell'associazione». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA