Serie A1 e A2 senza certezze in attesa dei tamponi rapidi

Fino ad ora la Federazione ha fissato soltanto il calendario dei turni saltati Senza test impossibile programmare i recuperi dal 28 novembre al 2 dicembre

Viareggio

Manca ancora il calendario effettivo dei recuperi delle partite fin qui slittate a causa del Coronavirus, ma intanto dalla Federazione Italiana Sport Rotellistici sono state rese note le date per recuperare le tre giornate dei campionati di serie A1 e di serie A2 che in questo mese di novembre sono state sospese.


L'intento inizialmente era duplice: permettere i recuperi delle gare rimaste in sospeso nella massima categoria e intanto predisporre il nuovo protocollo gare anti-Covid che prevede tamponi rapidi per i giocatori e lo staff tecnico delle squadre prima delle partite. Così non è stato: la volontà del presidente federale Sabatino Aracu (riconfermato proprio domenica all'assemblea generale della Fisr tenutasi - in presenza - a Riccione) di attendere i tamponi ha fatto dapprima slittare le gare da recuperare mentre le elezioni interne alla Federazione hanno fatto accumulare ritardi nella stesura delle nuove normative da discutere con le società.

Ad oggi quindi l'hockey su pista resta in balìa dell'incertezza, con la sola prospettiva di ripartire da sabato 5 dicembre prevedendo di recuperare le tre giornate saltate in toto a novembre il 16 dicembre, il 13 e il 27 gennaio per la serie A1 e l'8 dicembre, il 5 e il 20 gennaio per la serie A2. Questo, a prescindere dal fatto che i recuperi previsti per questo mese (per quanto riguarda il massimo campionato italiano) si siano o meno disputati.

L'elemento cruciale in tutta questa vicenda di rinvii e ritardi è la disponibilità dei test. La Fisr sta ultimando l'accordo (che per hockey su pista e hockey inline dovrebbe valere un investimento di oltre 100mila euro) con l'azienda Twin Helix di Milano: questo dovrebbe impegnare la società fornitrice (che già ha concesso il materiale per i test effettuati, come in una "prova generale", all'assemblea di Riccione in quest'ultimo weekend) a garantire i tamponi necessari per la prosecuzione del campionato entro il 3 dicembre anche se la Federazione sta cercando di fare pressione affinché la consegna di almeno una parte della fornitura avvenga anche solo con una settimana di anticipo, in modo da poter svolgere i recuperi in extremis tra sabato 28 novembre e mercoledì 2 dicembre.

Se ciò non sarà possibile, i recuperi in programma slitteranno inevitabilmente a data da destinarsi, dato che la priorità è la ripresa delle competizioni per sabato 5 dicembre senza ulteriori ritardi e rinvii (che andrebbero ad accumularsi a quelli già presenti e non ancora calendarizzati). Di pari passo la Fisr dovrà però mettersi a lavoro, ora che le formalità per le elezioni sono state completate, per stendere la bozza del nuovo protocollo gare: l'intenzione della Federazione è quella di presentarlo alle società, in videoconferenza, entro la fine di questa settimana per renderlo attivo - qualora venisse approvato senza ulteriori modifiche - fin da subito.

Tra le novità che dovrebbero venire introdotte, quella più sicura sembra essere l'obbligo per le società di hockey di munirsi di un medico garante che esegua i tamponi e comunichi i risultati prima delle partite. —