Viareggio, l’appello di Angela: «Regalo 2.500 euro a chi mi riporta la mia Rantaplan»

Una foto della simpatica cagnolina Rantaplan

Nessuna traccia della cagnolina smarrita dal 9 dicembre scorso. E altri quattrozampe sono misteriosamente scomparsi negli ultimi tempi

VIAREGGIO. Angela Brillante non si arrende: e continua a cercare la sua cagnolina dal nome che non si può scordare: Rantaplan.

L’ha smarrita il 9 dicembre e offre una ricompensa in denaro a chi gliela riporta: 2. 500 euro.


L’ha cercata in ogni luogo Rantaplan, in lungo e in largo; poi ha allertato la polizia municipale, canili e persino i veterinari. Se qualcuno ha preso la sua bestiola, lei è disposta, pur di riaverla, a mettere sul piatto quella cifra.

La speranza che la sostiene le arriva da uno smarrimento a lieto fine, la cagnolina Heidi, che aveva vagato per due giorni a Viareggio, cercando di tornare a casa.

«Grazie al gruppo Gepa, con a capo Vittoriana Fruzzetti, e i volontari con molti viareggini, si è riusciti a mettere in salvo Heidi – dice Angela – Ecco perché spero sempre che questo possa avvenire per la mia Rantaplan. Ancora una volta i cittadini di Viareggio e delle zone limitrofe hanno dimostrato il loro amore per gli animali, facendo diverse segnalazioni che sono servite a Vittoriana e ai volontari, che hanno cercato Heidi anche di notte, a trovarla. Ora è al sicuro fra le mura domestiche della sua famiglia.

«Ogni giorno che passa senza la mia Rantaplan – dice Angela Brillante – per me è un dolore indescrivibile, e solo chi possiede un cane può capirlo. Non riesco a darmi pace per come sia sparita, mi chiedo se qualcuno l’abbia presa; dopo i miei tanti appelli, il volantinaggio in città, credevo davvero di poterla riavere ed è quello che spero ancora. Mi angoscia il fatto di aver saputo – continua – che ci sono anche altri cani che sono scomparsi, e tutti avevano il microchip; le sparizioni sono state denunciate per capire cosa sia accaduto alle bestiole».

«Con tutti i cani che sono rinchiusi nei canili, mi chiedo perché dover prendere quelli degli altri? Mi appello – dice ancora – al senso civile ai buoni sentimenti e alla persona che potrebbe aver presa la mia Rantaplan nel tardo pomeriggio del 9 dicembre – dettaglia Angela – alla rotatoria tra il vecchio cavalcavia e l’inizio di via di Montramito direzione Terminetto, mentre stava probabilmente tornando a casa, dopo essersi allontanata».

«Io non mi arrendo – sottolinea – continuo a credere che sia ancora viva e che potrò riaverla, perché mi manca davvero molto ogni giorno».

C’è qualcuno dunque che può aiutare Angela e far tornare a casa Rantaplan? per altro con tale gesto avrebbe anche una considerevole ricompensa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA