Camaiore, tenta di dare fuoco alla casa dell’ex fidanzata: preso 

Entra dalla finestra e brucia alcuni suppellettili e poi se ne va con il tablet di lei. L’uomo è indagato per incendio e furto

CAMAIORE. Un giovane di 26 anni originario del Burkina Faso nel tardo pomeriggio di domenica 23 gennaio dopo avere forzato una finestra, dell’abitazione a Lombrici, frazione del comune di Camaiore, mentre la sua ex compagna italiana di 63 anni non era in casa, ha dato fuoco con l’accendino ad alcuni suppellettili all’interno dell’appartamento.Ha poi rubato un tablet e alcune bottiglie di vino e si è allontanato. Il fumo che usciva dall’interno della casa è stato notato da alcuni vicini che hanno allertato i vigili del fuoco che sono intervenuti sul posto, insieme ai carabinieri.

Il giovane, conosciuto sia dai militari che dai vicini della donna, è stato subito bloccato e portato in caserma. Già in passato secondo quanto riferito dai carabinieri, la coppia è stata protagonista di alcuni episodi turbolenti. Ieri nel tardo pomeriggio dunque il tentativo di dare fuoco all’appartamento, che per fortuna con l’intervento dei vigili del fuoco non ha provocato pericoli per le altre abitazioni vicine. Nessuno, infatti, è rimasto ferito, nonostante il gesto potesse provocare danni peggiori. «Grazie all’intervento dei vigili del fuoco - spiegano da comando - le fiamme non si sono propagate».

Al termine del sopralluogo all’esterno dell’abitazione i pompieri hanno collocato del nastro rosso e bianco per segnalare quanto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri. Le accuse nei confronti del giovane sono quelle di furto aggravato e incendio, la refurtiva è stata recuperata dai carabinieri. Secondo la ricostruzione degli investigatori, quello del ventiseienne sarebbe stato un gesto di rabbia, forse un tentativo di vendetta, nei confronti della donna con la quale ha da tempo un rapporto burrascoso. Adesso c’è da capire che tipo di misura potrà essere applicata nei confronti del ventiseienne da parte del pubblico ministero per evitare episodi simili in futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA