Contenuto riservato agli abbonati

Viareggio, armato di taglierino rapina farmacista all’ora di chiusura e fugge con 700 euro

È accaduto sabato al negozio di via Paolina Bonaparte  Due clienti intenti agli scaffali non si sono accorti di nulla

VIAREGGIO. Entra, minaccia impugnando un taglierino, arraffa e si dilegua. Per mettere a segno il colpo – che gli è fruttato diverse centinaia di euro – avrà impiegato qualche decina di secondi. Le farmacie viareggine tornano nel mirino dei rapinatori.

L’aggressione


Sono da poco passate le 20 di sabato sera e molti negozi hanno già spento le luci. Alla farmacia San Paolino di via Paolina Bonaparte si sta invece ancora lavorando. Sono circa le 20,10 e all’interno del punto vendita ci sono due clienti: ora ne entra un terzo. Non c’è il tempo di rendersi conto che in mano non ha prescrizioni mediche, bensì un taglierino, che lui è già al bancone. Ha il volto coperto in maniera quasi irriconoscibile: l’obbligo della mascherina proteggi bocca e naso in funzione anti-contagio da Covid avvantaggia purtroppo chi è malintenzionato. Mostra la sua arma con la quale minaccia una farmacista intimandole di consegnargli l’incasso. Sono attimi di terrore. L’aggressore è stato convincente: arraffa i soldi in contanti e si dilegua portandosi via un bottino da 700 euro. Dalla farmacia parte subito l’allarme diretto alle forze dell’ordine, i carabinieri arrivano nell’immediato anche perché una gazzella si trovava proprio poco distante dalla farmacia. Del rapinatore non c’è traccia.

Le indagini

I militari acquisiscono le immagini delle diverse telecamere della zona: c’è l’occhio elettronico della farmacia ma ce ne sono anche altri sulle “vie di fuga”; interviene anche la sezione operativa dell’Arma per alcuni rilievi. Al vaglio dei carabinieri dunque ci sono non solo i filmati delle telecamere ma anche alcune impronte. L’aggressore non si è tirato indietro nonostante in farmacia ci fossero tre professionisti e due clienti: questi ultimi non si sarebbero pressoché accorti di nulla in quanto erano intenti a guardare prodotti sugli scaffali e l’azione del rapinatore è stata assai repentina.

Di nuovo nel mirino

Se negli ultimi tempi i più esposti a questo genere di azione violenta sono stati tabaccai e commercianti, con l’aggressione di sabato tornano a essere bersaglio dei rapinatori – dopo un periodo di calma apparente – anche i farmacisti viareggini. È sabato 11 settembre 2021 quando un uomo armato di un fondo di bottiglia rotto assalta – intorno alle 20 della sera – la farmacia comunale di via Mazzini: stesso giorno della settimana, stessa ora, medesima modalità (anche se ha usato un pezzo di vetro anziché un taglierino), bottino da 300 euro. Ed è ancora sabato – ma nel tardo pomeriggio, intorno alle 17 – del 7 novembre 2020 quando un uomo entra nella farmacia Inglese di via Garibaldi, spintona la farmacista, mette le mani nella cassa e si porta via anche in questo caso 300 euro. È il 20 febbraio 2019 quando invece un giovane e coraggioso farmacista, Lorenzo Martelli, sventa una rapina nel punto vendita Fratti della Pineta: mette in fuga i malviventi minacciando di schiaffeggiarli. È il 15 ottobre 2019, coltello in pugno, un uomo incappucciato si fa invece consegnare un centinaio di euro alla farmacia Calandra di via Regia: un cliente prova persino a inseguirlo ma senza risultato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA