Nuovo decesso per covid in Versilia: è un 73ennne di Forte dei Marmi

L’uomo, vedovo da tempo, è deceduto due giorni fa all’ospedale San Luca di Lucca per le conseguenze dell’infezione da coronavirus

Viareggio. I giorni di terapia intensiva non sono riusciti a salvare la vita di Paolo Sergiampietri, un pensionato vedovo di 73 anni. L’uomo, vedovo da tempo, è deceduto due giorni fa all’ospedale San Luca di Lucca per le conseguenze dell’infezione da coronavirus. Residente nelle case Erp di via Amendola a Forte dei Marmi, era malato da tempo e il virus si è inserito in un quadro clinico già compromesso da altre patologie. Non è stato reso noto dalle autorità la situazione vaccinale dell’uomo e dunque non è possibile stabilire se avesse ricevuto dosi di vaccino prima della contrazione del virus avvenuta qualche giorno prima del ricovero. Il trasporto della salma di Sergiampietri sarà eseguito oggi partendo dall’obitorio dell’ospedale di Lucca fino alla chiesa parrocchiale di Sant’Ermete dove alle 11 verrà fatta la benedizione. La bara dell’uomo proseguirà poi per il cimitero urbano di Forte dove verrà sepolto. In questi giorni molte persone hanno portato le proprie condoglianze alla famiglia per la tragica scomparsa.

Dall’ultimo rilevamento dell’azienda sanitaria locale, risultava che all’ospedale Versilia c’erano esattamente 12 ricoverati, di cui nessuno in terapia intensiva; mentre invece all’ospedale di Lucca i ricoverati erano 19, di cui sei in terapia intensiva. L’ultimo bollettino di Asl Nord Ovest riporta che, nei sette giorni che si sono conclusi martedì, erano 95 nuovi casi positivi nella zona della Versilia, di cui 27 (pari al 28 per cento) hanno meno di 35 anni.


Ecco come sono distribuiti all’interno del territorio: a Camaiore 16, a Forte dei Marmi quattro, a Massarosa nove, a Pietrasanta 17, a Seravezza sette, a Stazzema quattro, a Viareggio 38. Nel periodo dei sette giorni dal 23 al 29 novembre sono stati eseguiti 2. 223 tamponi (tra molecolari e rapidi) . Il numero delle guarigioni nello stesso periodo di tempo è di 76. I dati della prossima settimana potrebbero far emergere un aumento in ragione dell’arrivo della nuova variante omicron che sta colpendo anche l’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA