Le donne di Cornini nel centro di Pietrasanta. Ecco chi è lo scultore della mostra evento

Dopo la “Banana blu” di Veneziano un altro super artista scelto dal Comune. Vernissage il 18 giugno sul calpestio di piazza Duomo

PIETRASANTA. Saranno le sculture di Marco Cornini a recitare da protagoniste nel centro storico la prossima estate. Dopo la “banana blu” di Giuseppe Veneziano che ha fatto non poco discutere e al tempo stesso animato Pietrasanta nei mesi scorsi, l’amministrazione comunale ha infatti deciso di affidare il nobile calpestio di piazza Duomo e dei suoi dintorni alle opere dell’artista milanese che frequenta le diverse realtà della Piccola Atene da anni, per la mostra più importante dell’anno.

Ad ufficializzare il tutto la recente delibera di giunta che ha approvato il calendario degli eventi, culturali e non, del primo semestre dell’anno con lo stesso Cornini che metterà in scena la sua arte fra giugno e settembre con vernissage inaugurale fissato per il 18 giugno sullo sfondo non solo di piazza Duomo, ma, come tradizione impone, anche della chiesa e del chiostro di S. Agostino così come si prevedono sculture – anche se la momento non c’è conferma – in piazza Carducci, nel parco della Versiliana e ancora a Tonfano in zona pontile.


Cornini che da tempo collabora con laboratori e fonderie cittadine e che proprio in vista della rassegna espositiva realizzerà alcune opere in terra di Pietrasanta. Nato a Milano 55 anni fa, Cornini, che già in passato aveva esposto una quarantina di sculture nel parco della Versiliana, viene ritenuto uno dei più importanti esponenti dell’arte figurativa e narrativa.

«Le sue mani – si legge su un testo critico di Art Tribune – modellano quasi esclusivamente figure femminili. In terrecotte colorate con acrilici, di media grandezza. Giovani donne snelle, i capelli lunghi, tutte piuttosto simili tra loro, sempre molto poco vestite, sedute o semisdraiate, isolate nello spazio, in posizione di attesa. Con l’autore che rivela di non usare modelle o fotografie, ma di affidarsi del tutto alla propria fantasia».

Titolare della cattedra di Discipline plastiche scultoree presso il Liceo Artistico Fontana di Arese, Cornini privilegia, da sempre terracotta e bronzo per i suoi lavori: il tema centrale delle opere è quindi l’essere umano raffigurato nel divenire del quotidiano. E sempre a proposito di mostre da segnalare che la rassegna di primavera, in agenda fra febbraio a maggio, porterà la firma di Sandro Gorra: anche in questo caso lo scenario di fondo sarà piazza Duomo e il chiostro di Sant’Agostino. Con una postilla: l’amministrazione Giovannetti ha programmato, proprio fra i mesi di febbraio e marzo, la riasfaltatura di piazza Duomo oggi in versione poco decorosa a causa della presenza di buche e di un fondo sconnesso: da qui il via libera a di un intervento che dovrebbe completarsi – il condizionale è doveroso – in circa 10 giorni. Comune che dovrà quindi rapportarsi con gli uffici culturali per evitare che cantiere e mostra vadano a sovrapporsi così come è atteso un confronto con Le Botteghe di Pietrasanta, l’associazione che fa da riferimento ai commercianti del centro, per entrare nel merito di eventuali problematiche legate ai lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA