Contenuto riservato agli abbonati

Obbligo di mascherina anche all’aperto a Viareggio: Del Ghingaro gioca d’anticipo con gli altri sindaci

L’annuncio su Facebook: «Lunedì firmo l’ordinanza». La risposta degli altri primi cittadini versiliesi: «Provvedimenti così si prendono insieme»

VIAREGGIO. L’annuncio arriva via Facebook direttamente dal sindaco Giorgio Del Ghingaro all’ora di colazione: ordinanza in arrivo a Viareggio con obbligo di mascherina indossata anche all’aperto. «Questo virus mutante continua a rovinarci l’esistenza e nonostante gli sforzi non riusciamo a togliercelo di torno», scrive il primo cittadino che prosegue: «Proprio per questo, e per evitare ulteriori complicazioni ho deciso di rendere obbligatorio l’uso della mascherina anche all’esterno, durante il periodo delle feste, perché è inevitabile che ci saranno più affollamenti in città e nei luoghi dello shopping. Molti di noi già usavano la protezione, è bene farlo tutti, per cercare di contrastare il contagio». Del Ghingaro ammette: «Lo so che questo potrà creare disagio a qualcuno, ma mi preoccupo per la salute di tutti e, dopo averci riflettuto, penso che questa sia la scelta giusta. Domani (oggi per chi legge, ndr) quindi firmerò l’ordinanza: a Viareggio mascherine anche all’esterno fino all’Epifania».

Intorno all’ora di pranzo la notizia dell’iniziativa del collega aveva raggiunto tutti i sindaci della Versilia e aveva agitato gli animi. «In genere, in questi casi, si prende una posizione comune, tanto più se supportata da evidenza tecnico-scientifiche e provvedimenti normativi dello Stato», è il messaggio circolato tra i primi cittadini della Versilia. L’ordinanza 28 ottobre 2021 del ministero della salute che proroga le regole sull’uso della mascherina “all’aperto”, escludendone l’obbligo nelle zone “bianche” fino al 31 dicembre 2021 prevede, comunque, che la protezione debba essere indossata in quelle «situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o dove si configurino assembramenti o affollamenti».


Da Seravezza, il neoeletto Lorenzo Alessandrini, così risponde al Tirreno: «Anche io domani ascolterò i miei colleghi e prenderò le decisioni del caso». Posizione analoga, quella dei sindaci di Camaiore, Alessandro Del Dotto e Massarosa, Simona Barsotti, che sottolineano entrambi l’esigenza di «agire tutti insieme».

Da Forte dei Marmi Bruno Murzi è deciso: «Credo che sia doveroso. Noi abbiamo i Mercatini di Natale e, per parità di condizioni, anche in questi luoghi deve valere l’ordinanza ancora in essere per i mercati del mercoledì e della domenica. Mascherina sì all’aperto, nei luoghi dove si crea assembramento». Dodici i fortemarmini che risultano ammalati di covid a sabato, dei quali due ricoverati sia pur non gravi, come ha voluto ricordare il sindaco nel video-messaggio attraverso la pagina Facebook del Comune, nel corso del quale ha ricordato: «La Versilia rimane una zona sicura». Favorevole a seguire le orme di Viareggio anche il sindaco di Stazzema, Maurizio Verona: «Mascherina all’aperto dove serve, certo non se si passeggia da soli».

Posizione diversa quella di Alberto Giovannetti, alla guida del Comune di Pietrasanta: «Vedo che le persone stanno a distanza, stanno attente e molti ormai sono vaccinati. Io confido sull’intelligenza dei cittadini e il personale della Municipale è sempre pronto nei controlli. Vediamo come procedono le cose. Al momento lasciamo tutto com’è».



© RIPRODUZIONE RISERVATA