Giunta a Massarosa: fumata bianca. Ecco i nomi degli assessori della sindaca Simona Barsotti

Dopo alcune tensioni la prima cittadina ha deciso finalmente la propria squadra di governo. Alcuni nomi erano ormai annunciati

MASSAROSA. Arrivate al giro di boa le consultazioni tra le forze che compongono la maggioranza. Dopo alcune tensioni la neosindaca elettadi Massarosa Simona Barsotti pare essere arrivata finalmente a una quadra sulla propria squadra di governo. Alcuni nomi erano ormai annunciati.

Tra questi ovviamente c’è Damasco Rosi, compagno di molte avventure amministrative con Barsotti sia in maggioranza che all’opposizione, il quale avrà un ruolo di primo piano rivestendo nuovamente la carica di vicesindaco. Altra punta di diamante sarà invece Lucio Lucchesi, imprenditore ed ex consigliere, l’uomo più votato della lista Sinistra Comune.


Assestati anche gli equilibri, il partito Democratico si ritrova a esprimere una terza figura all’interno della giunta. Il suo nome è Alberta Puccetti, 49 anni di Massaciuccoli, funzionario pubblico presso l'Inail: in passato è già stata consigliera comunale e presidente del consiglio della propria frazione.

Sinistra Comune esprimerà un secondo assessore. Sebbene molte voci davano quasi per certa la nomina di Michela Sargentini, la scelta è poi ricaduta su Francesco Mauro, già ex candidato sindaco nel 2019 e consigliere comunale di opposizione negli ultimi due anni e mezzo.

Un solo assessore andrà invece a Orgoglio Massarosa: si tratta di Fabio Zinzio, 34 anni, impiegato come responsabile dell'ufficio acquisto di un'azienda e già consigliere comunale durante il secondo mandato di Franco Mungai. Attivo nel "gruppo dei campanari" della Pro Loco di Bargecchia, è stato anche promotore di varie iniziative nella sua frazione oltre che di raccolte firme tra i suoi concittadini contro il problema dell’acqua sporca.

È dunque tramontata l’idea di nominare una persona esterna alla politica per la delega al bilancio. Un’opzione che sembrava praticabile ma a scapito di un rappresentante delle forze politiche.

Rimangono fuori dalla giunta due pezzi da novanta del partito Democratico: uno è Adolfo Del Soldato, l’altro è Riccardo Brocchini. Entrambi potrebbero tuttavia ambire alla nomina di presidente del consiglio comunale. Ruolo che il primo ha già ricoperto durante il secondo mandato della giunta di Franco Mungai.

Se dunque le nomine appaiono ormai certe, tuttavia l’annuncio ufficiale verrà dato solamente alla fine della settimana. Inoltre non è stata ufficializzata la spartizione delle deleghe. Particolare che verrà annunciato in una conferenza stampa.