Chiusa piadineria in Darsena: frequentata da pregiudicati

Viareggio, scatta il provvedimento di sospensione dell’attività per cinque giorni

VIAREGGIO. Per tutta l’estate i carabinieri hanno monitorato la clientela di un locale della Darsena, diventato punto di riferimento di persone con precedenti di polizia giudiziaria.

I controlli che, soprattutto in occasione di litigi e situazioni che hanno richiamato l’attenzione delle forze dell’ordine per i comportamenti violenti di alcuni protagonisti, hanno poi indotto i carabinieri a prendere provvedimenti anche nei confronti del gestore dell’attività commerciale.


Ieri mattina è arriva la conferma che i ripetuti controlli hanno raggiunto un risultato in termini di sicurezza.

Sabato sera infatti i carabinieri della compagnia di Viareggio hanno notificato al titolare di un’attività commerciale di via Coppino, “Mondo Piadina, il provvedimento di sospensione dell’attività per cinque giorni emesso dal questore di Lucca ai sensi dell’articolo 100 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza) su proposta dei militari dell’Arma.

Non è il primo locale che negli ultimi mesi viene raggiunto da un provvedimento simile, a tutela della sicurezza pubblica, cioè da una sospensione della licenza di esercizio di somministrazione e bevande per ragioni che sono legate alla sicurezza.

In particolare, nel corso dei servizi di controllo del territorio e a seguito di diverse segnalazioni ricevute da parte di numerosi residenti, i carabinieri, come hanno spiegato, hanno effettuato più interventi, accertando che il locale è diventato «un abituale ritrovo di persone con svariati precedenti e pregiudizi di polizia che potrebbero compiere attività illecite o creare turbative alla ordinata convivenza dei cittadini» si legge nella nota dei carabinieri.

Le chiusure mirano proprio a evitare situazioni potenzialmente pericolose e ripercussioni per gli abitanti della zona di via Coppino che si sentono insicuri.

Intanto proseguiranno anche nei prossimi giorni i controlli nella zona della Darsena - dove ci sono state liti e aggressioni - al fine di tutelare l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini sia nella Darsena che in altre zone della città, con un occhio attento ai luoghi di ritrovo per giovani.

Continua così l’azione di prevenzione e repressione anche in tema di esercizi pubblici.

S. C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA