Contenuto riservato agli abbonati

Stangata del Comune sul suolo pubblico: in arrivo altre multe per bar e ristoranti

controlli della Municipale in centro (foto d'archivio)

Continua l’ondata di controlli per le attività produttive che rischiano 3.500 euro e il sequestro degli arredi

PIETRASANTA. Multe da 3.500 euro e nuovi accertamenti in arrivo. Dopo una lunga fase di «tolleranza e comprensione» l’amministrazione comunale vara dunque il giro di vite contro l’occupazione impropria del suolo pubblico: troppi tavolini e sedie davanti a bar e ristoranti del centro storico – ma attenzione controlli sono previsti anche per negozi e ancora per i locali di Marina di Pietrasanta – e così alle cinque sanzioni dei giorni scorsi ad altrettante attività, venerdì scorso sono andate in scena nuove verifiche, con foto e monitoraggi, che saranno appunto oggetto di accertamenti. Presumibile, quindi, l’inoltro a domicilio di altre sanzioni.

L’assessore Stefano Filié sottolinea la necessità di fissare «un incontro, a breve termine, con gli esercenti e ancora con i referenti dei commercianti. C’è qualcuno che non sembra comprendere la delicatezza della situazione: se con i tuoi tavolini e con le tue sedie occupi in modo eccessivo quella parte di suolo pubblico che non ti appartiene non solo commetti un’infrazione che ti costa 3500 euro ma rischi, se recidivo, il sequestro degli arredi esterni. Questa amministrazione è per il dialogo e non certo per la linea dura: sappiamo bene che la maggioranza degli esercenti e dei commercianti rispetta le regole, ma la problematica, appunto a causa di alcuni, è evidente ed è anche motivo di potenziale rischio, se pensiamo alla priorità del transito, libero da ingombri, dei mezzi di emergenza».


L’assessore Andrea Cosci invece prova a fare chiarezza sulla modalità degli stessi controlli: «Non siamo quelli che si aggirano fra i tavolini con in mano la cordella metrica per verificare la liceità del suolo pubblico occupato: ci muoviamo senza dare nell’occhio, evitando le azioni eclatanti. E questo è un messaggio che vorrei dare a quei cittadini, un po’sceriffi lasciatemelo dire, che segnalano, accusano e prendono platealmente posizione sui social e ci accusano di non fare niente. Il Comune c’è, i vigili ci sono, gli uffici sono presenti: chi sbaglia viene sanzionato nei tempi previsti dalla procedura. Due sere fa abbiamo dato seguito a nuovi accertamenti: qualche attività ha sforato, nella metratura, in modo indecoroso e spudorato e questo non è accettabile. E ne risponderà. Se poi qualche esercente o commerciante persisterà nel comportamento, oltre alla multa si vedrà portare via i tavolini e gli arredi esterni. Altri commercianti, invece, con il dialogo e il confronto si sono rimessi – prosegue Cosci – in carreggiata. Pietrasanta e il suo centro storico sono frequentati da “bella gente”: le attività sono piene, c’è fermento e voglia di divertirsi e di vivere. In sicurezza. E noi amministratori siamo ben felici, ovviamente, di tutto questo. Ma le regole vanno rispettate e se un mezzo di soccorso non è nelle condizioni di transitare a causa di qualche tavolino, il responsabile dell’infrazione ne risponde in tutte le sedi. Se anche a Tonfano abbiamo riscontrato irregolarità? I controlli sono in corso, di certo non abbiamo avuto alcuna segnalazione di problematiche per il passaggio delle ambulanze. In poche parole occorre buonsenso, da parte di tutti. E il Comune resta sempre disponibile al dialogo». –

© RIPRODUZIONE RISERVATA