Contenuto riservato agli abbonati

Coronavirus, sei nuovi contagi al giorno in Versilia

La nostra zona in testa per i casi Covid, ma nessuno ha avuto bisogno del ricovero

VIAREGGIO. Tornano ad aumentare i contagi Covid in Versilia. E lo fanno con un ritmo di sei nuovi casi al giorno, secondo i dati in possesso dell’Asl e relativi all’ultima settimana.

La Versilia è, al momento, davanti a tutti nel territorio dell’Asl Nordovest per numero di nuovi casi di coronavirus: 45 i tamponi risultati positivi tra martedì 6 e lunedì 12, su un totale di 1.277 test eseguiti. La maggioranza è nel comune di Viareggio (23 casi); seguono Pietrasanta (dieci), Camaiore (cinque), Forte dei Marmi (tre), Massarosa e Seravezza (due a testa).

Senza voler criminalizzare niente e nessuno, è evidente che c’è stato un incremento degli scambi sociali, e quindi della probabilità di contagiarsi, dopo la fine delle restrizioni anti-Covid. La Versilia, ovviamente, è davanti a tutti anche perché è qui che si concentra la vita sociale "rinata" dopo i vari provvedimenti di chiusura. C’è poi l’incognita della variante Delta, che è più contagiosa delle vecchie versioni del virus: ma non è possibile, per ora, capire quanto la presenza di una variante che diventerà dominante - così si prevede - abbia determinato un ritorno del Covid. E soprattutto in che misura.

Bisogna ricordare, se ce ne fosse bisogno, che siamo ancora lontani dai numeri, a tratti insostenibili, di alcuni mesi fa: nel periodo di picco si registravano 45 positivi in un solo giorno e solamente a Viareggio. Però è evidente che la cosiddetta "curva" della pandemia sta riprendendo a salire. Non è una buona notizia, per quanto si accompagni a un altro dato che, invece, è molto buono: nessuno dei nuovi positivi al virus ha avuto bisogno del ricovero in ospedale. Il Versilia, al momento, resta senza malati Covid e la speranza è che lo resti anche nelle prossime settimane. Sicuramente avrà un peso su questo la vaccinazione anti-coronavirus, che quantomeno ha messo al sicuro le persone più anziane e fragili.

I numeri, a proposito di vaccinazioni, sono questi. In Versilia siamo a 74.605 prime dosi somministrate, con 55.735 richiami. Gli immunizzati dal virus, dunque, sono uno su tre. Con due dosi di vaccino si è protetti dalle forme gravi della variante Delta: ecco perché si cerca di accelerare ulteriormente una campagna vaccinale che ha risentito di qualche passaggio a vuoto ultimamente, per via della mancanza di forniture regolari.

La fascia d’età più coperta grazie alle vaccinazioni è quella sopra gli 80 anni, con oltre il 92 per cento; seguono i settantenni, con l’88 per cento; i sessantenni, con l’83 per cento; i cinquantenni, con il 69 per cento. Un pochino in recupero i quarantenni, che però con il 42 per cento di copertura con almeno una dose sono ancora indietro rispetto ai trentenni (44 per cento). In crescita anche i giovani e giovanissimi: tra i 20 e i 29 anni un versiliese su tre ha ricevuto la prima dose di vaccino anti-Covid. --

© RIPRODUZIONE RISERVATA