Due giorni di lotta contro il fuoco: a rischio la storica Madonnina

Pineta di Levante: al lavoro volontari di Croce Verde, Anpas di Querceta e Pietrasanta, “La Racchetta” di Cecina e gli elicotteri

VIAREGGIO. La lotta contro l’incendio in pineta di Levante, alle spalle della ex piscina comunale, è iniziata nel tardo pomeriggio di lunedì ed è andata avanti per tutta la giornata di ieri. Con gli elicotteri impegnati a gettare acqua, sui due/tre ettari distrutti dal fuoco, fino al primo pomeriggio di ieri. Oltre agli elicotteri sono stati coinvolti i volontari del servizio antincendio della Croce Verde, quelli di Anpas 16, arrivati da Pietrasanta e Anpas 32, da Querceta-Seravezza. Da Cecina, invece, sono arrivati i volontari della associazione “La Racchetta”. Le indagini sono a cura dei carabinieri forestali.

Le fiamme, nella notte tra lunedì e martedì, hanno ripreso a mangiarsi la pineta a causa del vento di Scirocco che si è levato quando ormai erano le 23. «Il rogo», racconta Gian Luca Capuana, coordinatore servizio antincendio della Croce Verde di Viareggio, «ha “saltato” la via tagliafuoco del Balipedio ed è arrivato a 200 metri circa dalla Madonnina». Punto di riferimento di tanti viareggini.


Nel tardo pomeriggio di ieri, quando le squadra di volontari erano al lavoro con le motoseghe per pulire il sottobosco e avere ragione del troppo materiale che viene lasciato a terra dopo i tagli degli alberi, restavano ancora zone non bruciate di 10/20 metri quadrati, molto pericolose e pronte a incendiarsi al primo alzarsi del vento. A tutte le squadre reperibili è stato chiesto di rimanere disponibili, pronte a intervenire di nuovo.

E ieri mattina, la presidente della Croce Verde, Carla Vivoli, ha anche distaccato sull’incendio un addetto del servizio socio-sanitario, già formato anche per quel tipo di interventi.

Dalla Croce Verde arriva, ancora una volta, l’appello a rimuovere il materiale tagliato nelle pinete che – in caso di incendio – rende molto difficile gli spostamenti di mezzi e personale.

E, a proposito di mezzi per l’attività di antincendio, c’è grande attesa per l’arrivo – nella disponibilità della associazione presieduta da Vivoli – del mezzo denominato “Pompa con vasca”, che arriverà il 20 luglio dal Canada, anche grazie al contributo di cinquemila euro da parte del Comune di Camaiore. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA