Contenuto riservato agli abbonati

Follia di un ragazzo: si arrampica di notte sulla ruota panoramica a Tonfano

Il ragazzo salito sulla ruota

Il sindaco Giovannetti: fatto grave, segnalato ai gestori ma sul litorale e in centro si chiedono più controlli

MARINA DI PIETRASANTA. È notte inoltrata quando un ragazzino si arrampica sulla ruota panoramica posizionata di fronte al pontile di Tonfano. La ruota è, ovviamente, ferma, spenta: il litorale, da qualche ora, è attraversato da gruppi di giovani e giovanissimi che festeggiano, con modi sempre più eccessivi, l’inizio dell’estate e la cessazione del coprifuoco. Fino a quando uno di loro, come testimoniato da una foto, decide appunto di arrampicarsi sulla ruota in questione, alta 20 metri.

Un gesto tanto stupido quanto pericoloso, che lascia interdetti e che avrebbe potuto avere gravi conseguenze. «Un brutto episodio: ho immediatamente preso contatto con i responsabili della ruota panoramica per metterli a conoscenza di quanto accaduto. Un fatto grave, così come è grave qualsiasi abuso: come salire su un albero per una sorta di protesta o su una ruota per non so quale motivo. E ogni abuso, per quanto ci riguarda, sarà denunciato: non so chi sia questo ragazzo, ma chi di dovere farà chiarezza. Per quanto riguarda i controlli vediamo quello che ci fanno sapere i gestori dell’impianto, ma è evidente che se qualcuno decide di arrampicarsi su un palazzo o su un albero o, pericolosamente come in questo caso, su una ruota panoramica, diventa difficile prevenire». è il pensiero del sindaco Alberto Giovannetti. Che però non vuole sentire parlare di un litorale e di un centro cittadino fuori controllo. «Non mi sembra proprio: a Pietrasanta abbiamo “bella gente” e anche i più giovani sanno come divertirsi senza eccedere. Poi, come ovunque, c’è sempre chi esagera, che va oltre, come è il caso di questo ragazzino. Non mi risultano particolari problematiche a Marina e neppure, come ho detto, nel centro città. Se però la situazione dovesse peggiorare, non esiteremmo ad intervenire, così come sarà attentamente monitorato il comportamento dei locali: chi sbaglia, chi non rispetta ordinanze e norme, paga. Con la riduzione dell’orario o lo stop all’attività. Va bene divertirsi, vivere e stare all’aria aperta, godere la bellezza del periodo, ma per gli eccessi la tolleranza sarà zero. Nella giornata di oggi faremo il punto della situazione sul fronte dell’ordine pubblico, ma la sinergia fra le forze dell’ordine e i comuni è già garantita e sta dando ottimi risultati».

Fin qui il sindaco anche se sia da Tonfano, «ragazzini, soprattutto minorenni, hanno invaso lunedì notte il lungomare – ci segnalano alcuni nostri lettori – fino quasi all’alba: erano ubriachi e aggressivi. Se queste sono le premesse, sarà un’estate difficile”, ma anche all’interno delle mura cittadine la preoccupazione cresce.

«Quando sono arrivato stamani ( ieri per chi legge, ndr) al lavoro – racconta un commerciante di via Mazzini – mi sono ritrovato l’ingresso del negozio e le conche dei fiori con vomito e altri bisogni fisiologici. Una situazione allucinante: sono abituato alle bottiglie di birra e alle coppe di gelato scaraventate fra i fiori, alle vetrine sporcate, ma adesso si sta andando oltre. Dove sono i controlli?». Rabbia anche fra i residenti. «Fino quasi alle 4 del mattino gruppi di ragazzi hanno corso per il centro urlando e schiamazzando: il sindaco intervenga per mettere un freno alle vendita di alcol a mezzanotte altrimenti individui una soluzione logistica alternativa, perché non si può convivere con situazioni del genere». — 

RIPRODUZIONE RISERVATA