Contenuto riservato agli abbonati

Il Covid fa decollare affitti e vendite al Forte: gli agenti immobiliari spiegano la tendenza

Cantieri per ristrutturazioni edili aperti in questi mesi nel Comune di Forte dei Marmi, segno di vitalità nel campo del mattone

L’interesse per il mercato immobiliare è in forte crescita, molte le ristrutturazioni

FORTE DEI MARMI. Gli agenti immobiliari ne sono certi: ci sono tutte le premesse per un’estate a cinque stelle. Nell’ultimo anno non solo c’è stato un vero boom degli affitti stagionali ma gli italiani sono tornati a fare investimenti importanti sugli immobili di pregio (come seconda casa). Con il Covid è tornato di nuovo in auge uno dei miti del passato, la vacanza nella località più glamour della Versilia. Il sogno della villeggiatura al mare, un mese o due da trascorrere in spiaggia, si accompagna al desiderio di avere un buen ritiro durante la pandemia. Meglio se con giardino e terrazzo, dove poter lavorare in smart working. Andando in giro per le strade del Forte si vede che sono stati aperti numerosi cantieri per ristrutturazioni. Dopo il grigio inverno è attesa dunque un’estate al top per i locatari e le agenzie immobiliari specializzate nell’affitto. E se negli ultimi anni molte famiglie avevano ridotto drasticamente il periodo di vacanza ora le richieste tornano ad essere “spalmate” nell’arco dei dodici mesi.

Tempo di ripartenza


La ripartenza non si farà attendere sebbene ci siano ancora molte incertezze e gli alberghi ancora non siano al completo. «Da agosto dell’anno scorso credo sia proprio un effetto del coronavirus, c’è stata una vera corsa all’affitto e all’acquisto degli immobili a Forte dei Marmi» conferma Emilio Radicchi dell’omonima agenzia, in via Morin. Il decreto rilancio con il cosiddetto superbonus, una detrazione del 110% su alcuni interventi edilizi, è diventato un incentivo a ristrutturare.

«Già dallo scorso autunno chi aveva la possibilità di lavorare da casa ha preso in affitto villette e appartamenti per tutto l’anno, andando alla ricerca di abitazioni con terrazzi ampi e giardino. Con l’inizio di quest’anno c’è stato un vero e proprio boom di vendite di case. Un interesse che non si ricordava ormai da anni» aggiunge l’agente immobiliare. «Si prevede il “tutto esaurito” a Forte dei Marmi, forse a discapito degli alberghi. Ma se la campagna di vaccinazioni e ci saranno minori incertezze legate al Covid forse si risolverà anche questo aspetto», spiega ancora l’agente immobiliare.

Le più interessate alla riscoperta della Versilia si sono dimostrate le famiglie italiane. In poche ore riescono a spostarsi da Milano, Brescia Padova, come dalle città dell’Emilia o da Firenze. «Gli anni passati alcuni tradizionali frequentatori di Forte dei Marmi si erano orientati per le vacanze nelle isole, soprattutto in Sardegna. Ora la situazione sta cambiando, la gente cerca spazi dove poter stare tranquilli, a distanze che siano raggiungibili con l’auto. Le richieste di affitto per periodi di vacanza più lunghi – a mio avviso – sono quasi sempre legate alla possibilità di lavorare in smart working».

Fondi affittati

Un altro dato colpisce. «Nei mesi scorsi sembrava che molti fondi commerciali fossero destinati a restare sfitti anche durante l’estate. Ma non è stato così. Abbiamo un cliente che cercava un fondo per aprire un temporary shop e abbiamo visto che la maggior parte di questi immobili sono stati tutti piazzati, almeno nelle strade che sono più interessanti dal punto di vista commerciale. Hanno investito a Forte anche alcune griffe importanti come Ferragamo o Louis Vuitton che aprirà un negozio su due piani».

Anche Gianni Checchi dell’agenzia Forte Immobiliare, presidente dell’Associazione Agenti immobiliari di Forte dei Marmi conferma che i numeri sul mercato degli affitti sono inusuali rispetto agli anni passati. «Ormai da mesi le richieste per le case in affitto sono in aumento. Accanto ai clienti storici, che sono sempre venuti in vacanza a Forte dei Marmi ce ne sono anche di nuovi». Cosa cercano? «Ville, villette bifamiliari, meglio se hanno spazi all’aperto. Di solito il turista italiano è portato a spendere anche nei ristoranti, ai bar e sui bagni e questo fa affrontare l’estate con un certo ottimismo». Stiamo sempre parlando di affitti e vendite a prezzi non proprio contenuti.

«La fascia di mercato che si è mossa di più è quella degli immobili che vengono venduti dai 500mila euro fino ai due milioni. Chiaramente ci sono anche ville che costano molto di più». Un discorso che vale per le case in affitto. Per i due o tre mesi centrali per un appartamento con due o tre camere vengono chiesti anche 10, 11 mila euro che possono salire in base alle caratteristiche degli immobili. I prezzi per l’acquisto variano da una media di seimila euro al metro quadrato fino a 14mila. La forbice è ampia e strettamente legata alla tipologia degli edifici o dagli affacci che hanno. «Nel centro storico, come si può vedere – aggiunge Checchi – non ci sono fondi sfitti. In certi casi i proprietari hanno ricontrattato i canoni per andare incontro agli affittuari in un momento non facile per il commercio come è quello che stiamo vivendo». –

© RIPRODUZIONE RISERVATA