Ristoratori e clienti aggrediti: il racconto di una serata di follia

Nel combo Andrea Pieraccini e Gino Fambrini, i ristoratori aggrediti dal gruppo di ubriachi

Viareggio, l'episodio sul viale Europa: hanno cercato di fermare quattro vandali che avevano rubato una lanterna

VIAREGGIO. Ristoratori e clienti aggrediti da quattro vandali, l’altra sera, poco prima dell’inizio del coprifuoco. Succede in viale Europa, davanti al ristorante “Giordano Bruno”, sotto gli occhi sbalorditi di altri clienti ancora seduti a tavola.

Sono le 21.45 quando il gruppetto di amici, ventenni in libera uscita dopo i mesi del lockdown, arrivano sul Vialone a due passi dal mare. Urlano, si “divertono” a compiere vandalismi, tirando calci contro tutto quello che incontrano sulla loro strada. Quando giungono all’altezza del “Giordano Bruno”, lo raccontano i testimoni, uno di loro ruba una delle lanterne all’esterno del locale. Uno dei titolari, Andrea Pieraccini, 68 anni, interviene. «Cosa state facendo? Mettetela al suo posto». Una giusta richiesta. Ma i ragazzi quella lanterna non la vogliono restituire. Anzi, uno di loro la rompe. La getta per terra con disprezzo e subito prende a pugni il ristoratore. È in questo momento che due clienti e l’altro socio intervengono, senza immaginare l’ulteriore reazione dei teppisti del sabato sera. «Sembra incredibile – spiega l’altro socio, Gino Fambrini, anche lui rimasto ferito a un occhio – invece di restituire la lanterna quei ragazzi hanno preso a pugni il mio socio, colpendolo alle spalle. Lo hanno fatto cadere e poi hanno continuato a colpirlo, tanto che poi è stato trasportato all’ospedale con l’ambulanza. Anche io sono stato aggredito insieme a due clienti che, quando hanno visto la scena, si sono avvicinati per aiutare il mio socio». «Non si fermavano più – aggiunge Pieraccini, che ha 10 giorni di prognosi – erano ubriachi, passavano dal viale, non hanno niente a che fare con il nostro locale». Qualcuno li ha visti arrivare dalla zona del ristorante “Armanda”. «È successo tutto all’improvviso. Abbiamo visto quattro o cinque ragazzi. Uno ha preso una specie di torcia, poi hanno cominciato a picchiare» conferma Mariangela Tomaselli, insegnante dell’Ic Lenci. Sul posto interviene una volante del commissariato ma gli autori del pestaggio non ci sono più. «Faremo la denuncia. L’aggressione è avvenuta per la strada, non credo ci siano telecamere», aggiunge Fambrini.

Un altro cliente, Tommaso Bernacchioni lascerà il locale con il naso tumefatto. «Siamo intervenuti per fermarli ma siamo stati aggrediti» spiega il cliente mentre tampona una ferita. L’episodio non sembra avere alcun collegamento con quelli avvenuti in piazza Shelley o in via Coppino nei giorni scorsi. Anche questa volta però a scatenare la violenza sono stati giovani, sempre più spesso protagonisti di risse e pestaggi senza un vero motivo. Proprio come è successo nel pomeriggio di sabato a Pietrasanta con tre minorenni identificati dalla polizia. –


© RIPRODUZIONE RISERVATA