Al Forte torna “Estate sicura” per ridurre gli ambulanti abusivi

Sulle spiagge torneranno gli steward sia per ridurre la presenza dei venditori che per tenere d’occhio che non ci siano assembramenti contro il Covid

FORTE DEI MARMI. C’è il segnale verde dei balneari del Forte a “Estate Sicura 2021”, il progetto sicurezza che in questi anni ha migliorato la vivibilità della spiaggia, limitando il commercio abusivo. Un progetto che sta diventando, anno dopo anno, un'opportunità per valorizzare l’offerta turistica balneare, e la ricetta della pandemia che sembrava avergli tarpato le ali, in realtà l’ha fatto solo crescere. Così l’altra sera, i balneari hanno detto sì a stragrande maggioranza alla riproposizione di questo servizio, ormai irrinunciabile. Fino a due anni fa, l’ossatura del controllo delle attività sulla spiaggia in chiave di limitazione al commercio abusivo era costituita dalla polizia municipale che metteva in organico agenti stagionali da dedicare a questo servizio. Poi è arrivato il Covid, con le difficoltà a selezionare gli agenti per l’assunzione stagionale e l’anno scorso nasce così il primo Progetto “Estate sicura” predisposto dai balneari, in strettissima collaborazione con il Comune, e grazie agli steward preparatissimi di un’azienda pratese. Debuttano così i primi steward di origine extracomunitaria e nasce soprattutto un modo diverso di rapportarsi con la clientela. Gli steward infatti non hanno funzioni di polizia, ma piuttosto sono in riva al mare a controllare che non ci siano, tra le tende e gli ombrelloni, presenze inopportune anche sul piano sanitario. Insomma un successo grazie a un mix di cortesia, savoir faire e professionalità. E così quest’anno i balneari del Forte a grandissima maggioranza hanno deciso di battere la stessa pista. Anzi potenziandola. «Abbiamo affrontato la questione nella nostra ultima assemblea – spiega il presidente dell’UPB Martino Barberi – con il proposito di potenziare il servizio. E per far ciò abbiamo bisogno quest’estate di un numero maggiore di operativi, visto che giocoforza dovremo anche partire prima. L’anno scorso il servizio fu attivato il 4 luglio, come si ricorderà, per le ben note ragion. Quest’anno però contiamo di iniziare già a metà di giugno perché il via libera all’apertura delle spiagge c’è già ed giunto molto prima. Noi, infatti, ci aspettiamo le prime presenze cospicue nell’ultima parte del mese di giugno. Per varare il progetto rinforzato edizione 2021 – continua Barberi – abbiamo chiesto ai nostri associati anche un piccolo sforzo economico aggiuntivo rispetto all’anno passato, per le quote di sostegno al progetto, e grazie a ciò e al sostegno dell’amministrazione comunale che ci ha già anticipato che aumenterà il suo contributo, saremo in condizione di aumentare i giorni di copertura del servizio e il numero degli addetti». L’idea è utilizzare la stessa azienda? «Stiamo vagliando diversi preventivi, certo è che il lavoro della Check Service meriterebbe una riconferma”. Con la pandemia il vecchio Progetto Sicurezza si è di fatto ribaltato: prima i vigili e ora gli steward, prima i bagni che aiutavano economicamente il Comune, ora il Comune che sostiene lo sforzo organizzativo dei bagni. Con l’amministrazione comunale dunque, è partnership rinforzata? «Sì – conclude Barberi - nel recente incontro con il sindaco Murzi, il vicesindaco Polacci e l’assessore Mazzoni abbiamo avuto conferma che il Comune punta molto sul progetto. Ci hanno fatto i complimenti per il 2020 e avrebbero deciso di aumentare il loro contributo perché si rendono conto che “Estate Sicura” è un progetto che fa bene a tutto il paese. Salvaguarda, infatti, la tranquillità e la sicurezza del turista che passa le sue vacanze non soltanto sul mare ma nel sistema paese. Noi abbiamo invece fatto loro una richiesta specifica: quella di coinvolgere di più il comando della polizia municipale nell’affiancamento degli steward, soprattutto nella fase di avvio del progetto di quest’anno, per dare loro sicurezza e avviare una collaborazione più stretta che si estenderà poi a tutta l’estate». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA