Contenuto riservato agli abbonati

Continui guasti e infiltrazioni nei pullman: i bus in Versilia hanno in media 12 anni

Il servizio non è all’altezza: eppure migliaia di passeggeri ogni giorno si spostano soprattutto anziani e studenti

Viareggio. «Mi dispiace ma la corsa termina qui». È capitato più di una volta che il conducente di un autobus versiliese si sia trovato a dare questo tipo di annunci. E a volte il mezzo sostitutivo c’è, altre volte bisogna necessariamente aspettare la corsa successiva. Ma non è il solo problema del trasporto pubblico in Versilia. I guai sono frequenti, quasi quotidiani, che ormai sembrano diventati quasi meno rilevanti: non succede di rado che ci siano dei guasti, che il riscaldamento non funzioni e che al corsa sia completamente al freddo (o al caldo, a seconda della stagione) oppure che ci siano infiltrazioni d’acqua dentro al pullman e che il pavimento del bus si allaghi.

Problemi che sono decisamente inferiori a quello che è accaduto a Pisa pochi giorni fa quando un conducente si è ritrovato con in mano il volante, completamente staccato dal resto del mezzo. Praticamente una tragedia sfiorata che, purtroppo, sarebbe potuta accadere ovunque nelle nostre zone, considerando che la situazione è la medesima.


Il parco mezzi che sono in dotazione alla provincia di Lucca sono decisamente vetusti. Dall’ultimo rilievo della carta dei servizi di Vaibus del 2019: dei 392 mezzi a disposizione in tutto il territorio provinciale, 63 hanno meno di tr anni, 67 meno di otto anni, la maggior parte, ovvero 128 hanno dai 9 ai 15 anni, mentre sono 124 quelli che ne hanno più di 15. Con qualche calcolo è possibile capire che per coprire i 2110 chilometri della linea totale, questi autobus macinano una cifra ben alta al giorno nel contachilometri. Se poi vogliamo scendere nel dettaglio del nostro territorio, tra Viareggio e la Versilia ci sono 70 autobus, suddivisi in cinque linee urbane e 21 extraurbane. L’età media di questi veicoli è di 12/13 anni. Decisamente sotto lo standard di un servizio pubblico moderno.

Questa vetustà, come detto, provoca numerosi problemi sull’efficienza del servizio di trasporto su gomma perché i mezzi hanno bisogno di molta manutenzione per andare avanti e spesso qualcuno manca all’appello, con la conseguenza che le corse saltano.

A farne le spese, come è facile immaginare, sono principalmente gli utenti che ogni giorno si spostano tramite autobus: migliaia di persone, soprattutto anziani e studenti.

Proprio loro hanno dovuto fare i conti, anche di recente, con i mille problemi delle corse. Se nel passato infatti, anche attraverso queste pagine, è stato denunciata una carenza di mezzi per i pendolari scolastici soprattutto nella tratta che da Viareggio porta a Lucca, passando per Massarosa, la situazione è leggermente migliorata con il covid: il Ctt aveva deciso di raddoppiare 70 corse in la provincia (14 in Versilia) con 31 autobus in più. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA