Oggi alle 15 presidio dei sindacati di base alla sede del Csm

Viareggio. Un presidio di protesta davanti alla sede del Csm dopo la sentenza della corte di cassazione sulla strage di Viareggio. Lo annuncia per questo pomeriggio alle 15 il sindacato di base Usb. «Con la sentenza sulla strage di Viareggio – sottolinea Usb in una nota – la corte di Cassazione ha affermato che la responsabilità delle imprese produttive che operano nel Paese non è perseguibile per eventuali danni provocati alla cittadinanza tutta, nell'esercizio della stessa impresa. Con la decisione di far decadere l'aggravante per violazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, per i reati contestati di omicidio e lesioni plurimi, la Cassazione ha consentito alla maggior parte degli imputati di beneficiare della prescrizione dei reati a loro ascritti nelle due sentenze precedenti, rimandando tutti a nuovo processo d'appello per la ridefinizione delle pene con un inaccettabile depotenziamento dell'impianto accusatorio originario».

Per il sindacato di base «questa sentenza oltraggia le sacre aspettative di giustizia dei familiari delle 32 vittime e porta un attacco gravissimo al diritto di tutela della salute e della sicurezza di cittadini e lavoratori tutti. A fronte di questo scenario, si rende necessaria una forte e immediata risposta per riaffermare con determinazione la prevalenza dei diritti delle persone su quelli del profitto d'impresa, all'interno della campagna lanciata da Usb per introdurre il reato di omicidio sul lavoro».