Muore a 53 anni impiegata comunale a Forte dei Marmi

Patrizia Vecoli lavorava all’ufficio edilizia. Era anche volontaria della Misericordia. Il dirigente: «Era amata dai cittadini»

FORTE DEI MARMI. Quell’ufficio edilizia in Vaiana non sarà più lo stesso dopo che Patrizia se n’è andata: mancheranno il suo sorriso, la sua voglia di vivere, la sua simpatia. Il Comune di Forte dei Marmi è in lutto. Patrizia Vecoli, impiegata comunale nel settore edilizia si è dovuta, purtroppo, arrendere dopo una lunga malattia. Attiva da una decina d’anni allo sportello dell’edilizia, si era fatta ben volere da tutti, in particolar modo dai colleghi e dai professionisti per la sua disponibilità ed efficienza.

Anche per questo il sindaco Bruno Murzi, l’amministrazione comunale e la cittadinanza tutta piangono la sua scomparsa e si uniscono al dolore del marito Angelo Lenzoni. Anche tutti i colleghi esprimono grande dolore ricordandola amorevolmente, evidenziando la bontà del suo carattere. Patrizia era una entusiasta, amante degli animali e delle persone tanto da essere stata, finché la malattia glielo aveva permesso, volontaria molto attiva nella Misericordia di Pietrasanta, cittadina dove abitava nell’ultimo periodo. Senza dubbio, però, era Angelo, il marito, il fulcro della vita di Patrizia e lui lo era per lei. Il pensiero di tutti va, oltre che al suo ricordo, proprio a lui che l’ha accudita incondizionatamente e amorevolmente fino all’ultimo momento. «Era una persona molto legata al lavoro - ricorda l’architetto Sandro Giannecchini suo dirigente in questi anni - e per questo vi si dedicava senza risparmio facendosi apprezzare da tutti, noi colleghi, ma anche dai cittadini. Poi circa un anno fa la malattia che l’ha costretta a lunghe cure».

La guida allo shopping del Gruppo Gedi