Positiva al virus in discoteca, appello delle Asl a un migliaio di giovani: fate il tampone

Le aziende sanitarie di tutta la Toscana invitano chiunque sabato sia stato al Seven Apples a sottoporsi all’esame e nel frattempo stare in casa

MARINA DI PIETRASANTA. Nessuno sapeva che fosse positiva al covid. Nemmeno lei, giovanissima pisana, che si è sottoposta al tampone al rientro dalla vacanza in Grecia, di sua spontanea volontà, nonostante non fosse obbligatorio. Non aveva un solo sintomo. Né febbre, né tosse, né congiuntivite, tantomeno stanchezza.

All’ingresso della discoteca, il Seven Apples di Marina di Pietrasanta, sabato sera, le hanno misurato la temperatura con il termoscanner, come da regolamento. Tutto regolare. E la serata è andata avanti come se nulla fosse. Drink, chiacchiere, balli e non sempre, a detta di chi ha partecipato alla serata, alla distanza di sicurezza o con la mascherina indossata. I risultati del tampone sono arrivati all’indomani della serata in discoteca, la domenica mattina. Ed è stata una doccia fredda. Positiva, ma completamente asintomatica.


Da lì sono partite la chiamate ai conoscenti, quelli che sabato scorso erano in discoteca. Si è attivata anche la macchina dell’Asl per individuare le persone che sono entrate in contatto con lei. Al momento ne sono state individuate undici, quelle che la giovane ha comunicato all’azienda sanitaria. A loro è stata notificata subito la lettera di quarantena e dovranno sottoporsi al tampone. In attesa dell’esito dovranno rimanere chiusi in casa. Ma i numeri delle quarantene potrebbero essere ben altri.



Adesso infatti si tratta di trovare tutti i giovani che possono aver avuto un contatto stretto con la ragazza sabato notte. L’Asl Nord ovest, ma anche la Centro e la Sud est, adesso invitano le persone che hanno frequentato il locale quella sera a sottoporsi al tampone, a chiamare i numeri unici per fare il test. C’era almeno un migliaio di giovani provenienti da diverse parti d’Italia e della regione. Di qualcuno (di quelli seduti ai tavoli) il locale ha anche i nominativi, degli altri no. D’altronde non è obbligatorio, ma raccomandato.

«Allo scopo di contenere un eventuale contagio – si legge in una nota dell’azienda sanitaria – l’Asl fa appello a tutti coloro che si trovavano in discoteca la notte tra l’8 e il 9 agosto e residenti nel territorio della Asl Toscana nord ovest a mettersi in contatto con l’azienda sanitaria».

Dovranno farlo scrivendo una mail a: sorveglianza@uslnordovest.toscana.it con oggetto “Seven Apples”, indicando nome, cognome e numero di telefono, in modo da essere ricontattati per fissare l’appuntamento per l’esecuzione del tampone.I tamponi saranno poi effettuati nelle giornate del 15 e 16 agosto nei drive through di Pisa, Viareggio, Lucca e Massa. Nel frattempo le persone interessate dovranno stare in quarantena.

Tutti coloro che invece si trovavano in discoteca ma sono residenti nelle Asl centro possono scrivere a malattieinfettiveigiene.firenze@uslcentro.toscana.it o a giorgio.garofalo@uslcentro.toscana.it, mentre i residenti nell’Asl sud est possono contattare segreteria.dipprevenzionegr@uslsudest.toscana.it. L’Asl «ricorda che i tamponi saranno somministrati anche a coloro che, pur non essendo residenti, segnaleranno di essere stati in discoteca nella sera tra l’8 e il 9 agosto». La voce di un caso positivo circolava già da lunedì, il giorno in cui l’Asl ha inviato le prime lettere ai giovani interessati. Voci che, tuttavia, in un primo momento, sono state smentite.

«Dopo ulteriori verifiche, effettuate dal dipartimento di prevenzione, la Asl Toscana nord ovest – si legge nella nota dell’azienda sanitaria – conferma un caso di positività in una persona che ha frequentato, nella notte fra l’8 e il 9 agosto, la discoteca Seven Apples di Marina di Pietrasanta. L’indagine epidemiologica ha portato all’individuazione di undici contatti stretti, già in quarantena che saranno sottoposti al tampone nasofaringeo».

E mentre l'Asl sud est invita a stare a due metri di distanza nelle piste da ballo, Anna Maria Celesti, presidente della Società della Salute di Pistoia, lancia un appello ai giovani della zona che sabato erano in Versilia: "Considerato che si tratta di una discoteca molto nota e molto frequentata da persone provenienti da diverse localit toscane, rivolgo un appello ai residenti nel nostro territorio di competenza che fossero presenti quella notte nel locale di Marina di Pietrasanta a mettersi in contatto con il proprio medico di famiglia o direttamente con l'azienda sanitaria". —
 



 

La guida allo shopping del Gruppo Gedi