«Noi malati di covid-19 non siamo soli numeri»