Anche Roma ora è iscritta all’anagrafe antifascista