Il ragioniere capo: «Ancora tre anni per chiudere il disavanzo»