Il centro Pardini si allarga e apre alle scuole camaioresi

Approvata in consiglio comunale la convenzione per realizzare nuovi campi Il sindaco: «Così avremo spazi per gli studenti e le associazioni del territorio»

CAMAIORE

Arriva l’ok definitivo del consiglio comunale all’ampliamento del Pardini Sporting Center. In cambio l’amministrazione riceverà un monte di ore per far utilizzare l’impianto alle associazioni del territorio e alle scuole.




Oltre agli impianti già esistenti, per completare lo sviluppo del centro sportivo è prevista la trasformazione delle coperture temporanee in definitive e la realizzazione di un edificio con la superficie coperta di circa 530 metri quadrati che si svilupperà su tre piani: circa 1.600 metri quadrati di superficie calpestabile. Al piano terra ci sarà la zona dei campi polivalenti coperti con quattro spogliatoi per le squadre, un’infermeria, uno spogliatoio per gli arbitri, un magazzino e i servizi igienici per il pubblico. Sempre al piano terra un ambulatorio di medicina sportiva, una sala di formazione con ingresso indipendente e servizi dedicati. Al primo piano verrà creata una palestra riabilitativa con spogliatoi dedicati e il centro di medicina sportiva convenzionato. Al secondo piano verrà fatta una pertinenza con otto camere doppie con bagno privato, una sala comune e una stanza di supporto a uso esclusivo degli atleti che usufruiscono delle strutture del centro sportivo.



Oltre ad avere un centro sportivo d’eccellenza, Camaiore potrà usufruire dell’intera struttura tramite la convenzione stipulata con Pardini. Intanto la struttura viene considerata unitaria e non potrà essere oggetto di parziali alienazioni. Inoltre la Pardini immobiliare concederà al Comune l’uso gratuito dei campi polivalenti per un totale di 520 ore all’anno per 13 anni. Il costo corrispondente calcolato è di 70 euro all’ora. Si tratta 6.760 ore per un corrispettivo di 473.200 euro. Scendendo nello specifico si tratta di circa 11 ore a settimana. Nel caso l’amministrazione non usufruisca di questo monte ore, il residuo verrà spalmato sugli anni successivi.



A trarre maggior beneficio, secondo le intenzioni dell’amministrazione, saranno le associazioni del territorio e le scuole camaioresi. «Questa convenzione ci permette di concedere alle nostre società sportive degli spazi al di fuori delle palestre scolastiche - ha dichiarato il sindaco Alessandro Del Dotto al Tirreno - dobbiamo avviare un periodo di valutazione e capire quali associazioni sportive potranno andare ad occupare quelle ore. Non solo: gli spazi che abbiamo a disposizioni potranno essere ottimi per cominciare un discorso di avviamento allo sport per i nostri istituti. Le scuole potranno pensare di fare lì la loro ora di educazione fisica avvicinandosi a sport specifici. Nel centro ci sono attrezzi professionali che sono perfetti per questo». —