La cava in galleria diventa un teatro

L’opera lirica di Martinelli in anteprima sul mondo Corchia

LEVIGLIANI. La cava in galleria sul monte Corchia a Levigliani diventa teatro per un giorno. È cava Piastraio, dove oggi ci sarà l’anteprima dell’opera lirica “Marmo bianco”. Scritta dal maestro Roberto Martinelli, su libretto della poetessa massese Egizia Malatesta, verrà eseguita sotto i pilastri di marmo da un ensemble di 5 cantanti lirici, un coro di 25 performers e un’orchestra di 7 elementi.

Si tratta di un’opera ancora inedita. Celebra con musica e parole la bellezza e l’importanza del territorio delle Apuane raccontando un giorno di vita di un paesino di cavatori ai piedi delle Alpi toscane in un passato remoto. La Cooperativa Condomini di Levigliani, che da oltre mezzo secolo estrae dai giacimenti del Corchia, ha accolto con orgoglio ed entusiasmo la richiesta da parte di un gruppo di 60 imprenditori provenienti da tutto il mondo. Sono imprenditori che fanno capo ad un’organizzazione statunitense e hanno chiesto di poter visitare la cava di Arabescato Corchia a Levigliani, nell’ambito di un programma di visite ed approfondimenti sull’industria delle costruzioni in Italia.


La comunità di Levigliani è stata così anche coinvolta nell’organizzazione di questo evento musicale straordinario e ad essa verranno completamente devolute tutte le risorse destinate alle spese organizzative, che contribuiranno a sostenere enti ed associazioni paesane, come l’Unione sportiva, la Filarmonica Santa Cecilia e altre. La storia dell’opera coglie perfettamente lo spirito dei leviglianesi che hanno fondato il proprio modello di sviluppo sulle attività di estrazione de marmo. Il riscatto della gestione delle cave e l’avvio della Cooperativa Condomini hanno segnato una svolta importante nella loro storia, per la crescita e il sostentamento dei residenti. Partendo proprio da questa cultura, dalle bellezze, e dal marmo, che la comunità di Levigliani vuol dare futuro alla al territorio, lavoro e prospettive ai giovani. (t. b. g.)