Acqua avvelenata dal tallio, a processo la dirigente Asl

Ida Aragona, all'epoca responsabile prevenzione dell'azienda sanitaria versiliese, e Francesco Di Martino di Gaia spa, rinviati a giudizio: secondo i pm sapevano che a Valdicastello Carducci le sorgenti erano contaminate ma avvisarono la popolazione in ritardo