Del Ghingaro: "La nuova via del Mare sarà un’opera per tutta la città"

Il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro con alle spalle il porto

Il sindaco: «Viareggio ha bisogno di scelte per correre incontro al futuro»

VIAREGGIO. Per Viareggio la lunga e tormentata storia dell’asse di penetrazione è in qualche modo paragonabile a quella del ponte sullo Stretto di Messina. Se ne parla da sempre, ma senza mai giungere a risultati concreti. Giorgio Del Ghingaro, con il suo piglio decisionista, ha invece voluto imprimere un’accelerata vera ad uno dei progetti più attesi degli ultimi decenni. E, svelando finalmente le sue carte, ha dimostrato anche di saper (e voler) scegliere.

Ora il sindaco spiega perché ha deciso di prendere il toro per le corna e realizzare quella che si preannuncia come la più importante opera pubblica della sua amministrazione. Almeno per quello che riguarda la viabilità. «Sostenibilità, modularità, modernità. Tre parole - spiega Del Ghingaro - per descrivere la proposta che facciamo alla città per risolvere questo annoso interrogativo relativo alla realizzazione della “Via del Mare”. Noi la vogliamo fare, perché riteniamo che serva a tutta la città e non solo all’area portuale. La vogliamo realizzare perché ci interessa sviluppare la qualità dell’offerta industriale della cantieristica, aumentare i livelli occupazionali, dare risposte in termini di concretezza riguardo ad una infrastruttura di cui da troppo tempo si parla, ma non riesce a trovare attuazione».

Naturalmente per ora si parla soltanto di un progetto su carta. A cui bisognerà dare gambe. Ma i soldi per realizzare l’opera ci sono già da tempo (ce li ha messi il governatore Enrico Rossi tramite la Regione) e adesso, sciolto il nodo del tracciato a sud dello stadio, c’è a quanto pare anche la volontà politica. «Viareggio - aggiunge il sindaco - ha bisogno di scelte, di assunzione di responsabilità, di decisioni troppo a lungo procrastinate. Viareggio ha necessità di ripartire, di ingranare finalmente la marcia e correre incontro al futuro. La città lo merita e noi siamo stati eletti per questo. Insomma: dritto alla meta! La Via del Mare porterà verso la bellezza della città e la bellezza delle eccellenze viareggine verso il mondo».