Concessioni demaniali: il governo impugna la legge regionale

In particolare ritiene illegittima la norma che consente l’indennizzo ai concessionari in caso di subentro di un nuovo gestore dello stabilimento balneare

VIAREGGIO. Il governo impugna la legge regionale sul rinnovo della concessioni demaniali. In particolare ritiene illegittima la norma che consente l’indennizzo ai concessionari in caso di subentro di un nuovo gestore dello stabilimento balneare. La legge regionale infatti prevede l’obbligo per chi subentri in una concessione demaniale di rimborsare al vecchio concessionario una cifra pari al 90% del valore commerciale dell’attività.

In questa cifra secondo la legge regionale è compreso anche l’eventuale ammortamento di mutui contratti per gli investimenti nel bagno e non ancora pagati. Secondo lo Stato questa norma non è ammissibile. Questo rimette in discussione tutta la battaglia che la Regione sta portando avanti per il rilascio di nuove concessioni conformi alla Bolkestein.