Pietrasanta, acqua inquinata in tutto il centro città

I divieti apposti sulle fontane di Valdicastello

Le analisi disposte dal Comune hanno confermato quelle commissionate da un cittadino a un laboratorio privato: il tallio, metallo pericoloso per la salute, è presente in misura abnorme anche fuori dalla frazione di Valdicastello

PIETRASANTA. L'acqua che esce dai rubinetti del centro storico di Pietrasanta è inquinata dal tallio. Il metallo pericoloso per la salute umana rilevato a Valdicastello il mese scorso è presente anche nei campioni fatti analizzare dal Comune dopo che erano state rese note le analisi fatte svolgere da un abitante di via Capezzano Monte a un laboratorio privato. Conseguenza: il sindaco Domenico Lombardi vieta di bere dal rubinetto delle case del centro città e zone adiacenti.

Le strade interessate. Si tratta della zona delimitata da Piazza Statuto, via del  Crocialetto fino all' Aurelia, via Aurelia fino via Santini, via Santini, tratto di via Sauro fino a v. Garibaldi, via Garibaldi, via Provinciale Sarzanese fino al cimitero, via Capezzano Monte fino al serbatoio Monte Regoli, via della Fonda, via Santa Maria e tutto il Centro Storico. "Si tratta di una delimitazione assolutamente prudenziale - sottolinea il Comune in una nota - al di là di questa area non vi è alcun problema per l’utilizzo dell’acqua per tutti gli scopi".

Allarme su Fb e con gli altoparlanti. L'Amministrazione Comunale ha  immediatamente invitato tramite FB, il sito web e altoparlanti  i cittadini dell’area interessata a non bere l'acqua dell'acquedotto e a non utilizzarla per scopi alimentari (lavaggio e preparazione alimenti e cibi). L'acqua può essere invece utilizzata per l'igiene personale. La popolazione è stata anche invitata a seguire sui media del Comune l'evolversi della situazione. E’ stata predisposta  l' apposita ordinanza a tutela della salute pubblica e l’amministrazione sta organizzando con GAIA  il rifornimento idrico di acqua potabile tramite cisterne e gli interventi immediati che il gestore dell'acquedotto dovrà mettere  in atto per bonificare la rete e ripristinare l'erogazione.

La ricerca delle cause. L'Amministrazione Comunale ha richiesto a Gaia una dettagliata relazione che spieghi le cause della presenza del tallio nella zona interessata, che dovrà essere precisamente delimitata. Anche perché, inutile sottolinearlo, in tutta Pietrasanta adesso cresce la preoccupazione: le analisi alle sorgenti avevano escluso contaminazioni, l'inquinamento rilevato in centro città dimostra che a essere contaminate sono le condutture, non solo di Valdicastello.