Va in Tribunale con un coltello nella giacca: viareggino denunciato

L'ingresso del Tribunale di Lucca

L'episodio è successo a Lucca: l'uomo è stato fermato dalla guardia giurata di turno all'ingresso. Sequestrato il coltello: aveva una lama di 19 centimetri

VIAREGGIO. Era andato con un coltello a serramanico nascosto nella giacca in Tribunale a Lucca per prendere parte all’udienza di separazione fra la sua attuale compagna e l’ex marito. Ma fortunatamente la guardia giurata che era di turno all’ingresso lo ha fermato prima che potesse combinare guai in aula. E nei confronti dell’uomo - un viareggino di cui non sono state rese note le generalità - è scattata una denuncia per detenzione di arma da taglio.

L’episodio è accaduto venerdì intorno alle 10,30. L’uomo è entrato dall’ingresso di San Donato ed ha cercato di passare malgrado il metal detector all’ingresso avesse segnalato la presenza di un oggetto metallico. La guardia giurata del Gsi di turno all’ingresso ha immediatamente fermato l’uomo che ha provato a dire che doveva entrare soltanto per un attimo e sarebbe rapidamente uscito. Quando però è stato invitato a svuotare le tasche per poterne controllare il contenuto, è spuntato fuori il coltello a serramanico con una lama lunga 19 centimetri.

A quel punto la guardia giurata ha chiesto l’intervento degli agenti in servizio presso la sezione di polizia giudiziaria del Tribunale che hanno provveduto a sequestrare il coltello e a denunciare il viareggino per il possesso ingiustificato dell’arma da taglio.

Durante l’interrogatorio è emerso che l’uomo avrebbe dovuto assistere all’udienza in cui compariva la sua attuale compagna per la separazione dall’ex marito. Non è chiaro il motivo per il quale l’uomo avesse deciso di portarsi dietro il coltello, ma alla fine in aula non ha messo piede.