Mehta dirige “Die Schöpfung” di Haydn

In attesa di inaugurare il 21 dicembre, alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella, il nuovo auditorium del Maggio, domani Zubin Mehta torna in teatro a Firenze, per un importante appuntamento sinfonico: l’esecuzione di “Die Schöpfung”, oratorio per soli, coro e orchestra di Haydn. Basato sui testi della Genesi e dei Salmi e dal “Paradiso perduto” di John Milton, Haydn lo compose fra il 1795 e il 1798. Un’opera monumentale i cui recitativi fanno da filo conduttore di una narrazione che alterna arie solistiche e duetti, interventi corali ed episodi orchestrali. Le voci sono quelle del soprano Mandy Fredrich, del tenore Bernard Richter, del basso Markus Werba e del mezzosoprano Veta Pilipenko. Giovedì, Haydn, Mehta e il Maggio si trasferiscono ad Arezzo per il taglio del nastro dell’Auditorium Arezzo Fiere.