Corto Maltese torna nella sua Genova con inediti e rarità

A Palazzo Ducale 200 pezzi di Hugo Pratt fino al 20 marzo il mare protagonista 

LA RASSEGNA

Corto Maltese è un personaggio famosissimo di un fumetto d’autore. Oggi torna a casa nella sua Genova per la prima, grande mostra che Palazzo Ducale dedica a Pratt fino al 20 marzo 2022. Corto, che in spagnolo significa “svelto”, fu creato dal grande disegnatore veneziano nel 1967.Corto è un antieroe che alla ricchezza preferisce libertà e fantasia, è un moderno Ulisse in grado di farci viaggiare nei luoghi più affascinanti del mondo. «La forza di Corto è di essere sempre attuale», ha spiegato la curatrice Patrizia Zanotti, per tanti anni braccio destro dell' autore e ora responsabile della società svizzera Cong che detiene i diritti di tutta la sua opera -. E' il simbolo dell' apertura alle altre culture, a capire altri mondi, a non restare chiusi. Il mare, in questo senso, unisce e crea connessioni e oggi è di grande attualità». La mostra si intitola "Hugo Pratt, da Genova ai Mari del Sud". Si tratta di un viaggio tra visioni, sogni e personaggi di uno dei disegnatori più amati in Italia e nel mondo. Ad accompagnare il visitatore sono esposti 200 pezzi originali tra tavole, acquerelli e un'originale multivisione, "una sorta di Lanterna per non perdere la rotta". Molti gli inediti e le rarità, come la copertina di “Il ragazzo rapito” del Corriere dei Piccoli, concessa dalla Fondazione Corriere della Sera ed esposta per la prima volta. Agli indiani del nordest americano, passione che con l' amore per la lettura di classici come James Fenimore Cooper portò Pratt a costruirsi una biblioteca di oltre duemila volumi su Irochesi, Uroni e Moicani, è dedicata la sala nella quale spiccano le due mitiche serie: Wheeling e Ticonderoga.


© RIPRODUZIONE RISERVATA