Torna Venom, antieroe Marvel Record d’incassi negli Usa

ROMA. Preceduto dal boom di incassi registrato all’uscita negli Stati Uniti due weekend fa – 90 milioni di dollari all’esordio e a quota 141 milioni dopo il secondo fine settimana di proiezioni – arriva in Italia da giovedì prossimo “Venom: La furia di Carnage” (Venom: let there be Carnage) secondo capitolo con Tom Hardy nel ruolo del “protettore letale” Venom, uno dei personaggi Marvel più enigmatici e complessi, ma anche per questo più affascinanti: un antieroe che segue una logica ferrea quanto distorta nel tentativo di difendere gli innocenti dalle ingiustizie. Nel sequel del film del 2018, diretto da Andy Serkis, ritroviamo Michelle Williams e Woody Harrelson nel ruolo del villain Cletus Kasady/Carnage.

La pellicola riparte proprio dove era terminato ilk capitolo precedente. Dopo aver trovato un corpo ospite nel giornalista investigativo Eddie Brock, il simbionte alieno Venom dovrà affrontare un nuovo nemico, Carnage, alter ego del serial killer Cletus Kasady. Nella scena post credits del primo film, infatti, Eddie Brock in sella alla sua moto raggiunge la prigione di San Quentin per intervistare l’omicida. Durante il loro breve dialogo, Kasady preannuncia che riuscirà a uscire dalla prigione e a compire una nuova carneficina. Ed ecco allora che in questo secondo episodio Il killer riesce effettivamente a evadere dal carcere, ospitando un simbionte alieno, il rosso Carnage, che seminerà il terrore in città. Solo Brock e il suo Venom possono fermarlo.


Le riprese di si sono tenute a Londra e poi si sono spostate a San Francisco. Il direttore della fotografia è Robert Richardson, premio Oscar per “JFK”, “The Aviator” e “Hugo Cabret”. Nonostante l’apprezzamento critico disastroso, il primo Venom è riuscito a incassare 856 milioni di dollari al botteghino mondiale a fronte di un budget di circa 100 .