Torna il brivido dei Comics dal vivo: il festival di Lucca ritrova il pubblico

Dal 29 ottobre la manifestazione riapre con nuove regole e al massimo 20.000 persone al giorno

LUCCA. Lucca Comics & Games riparte con gli eventi in presenza. Dopo Lucca Changes, l’edizione solo multimediale, della transizione fra prima e dopo il periodo difficile del picco della pandemia (nel 2020), il festival internazionale del fumetto riprende, con nuove regole, nuovi spazi e l’obbligatorietà del biglietto per tutti gli eventi che verranno organizzati nella quattro giorni compresa tra il 29 ottobre e il primo novembre. Fissato anche il limite quotidiano delle presenze: obiettivo massimo ventimila, che si spalmeranno tra incontri, presentazioni di libri, giochi e mostre.

È un segnale importante quello che arriva dalla seconda manifestazione al mondo nel settore del fumetto: un segnale di rinascita. Le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria non consentiranno per quest’anno almeno la presenza dei cosplayer nelle strade del centro storico e sulle Mura: la fantasmagoria dei colori dei loro costumi avrà un palcoscenico circoscritto nel parco di Villa Bottini, dove si svolgeranno le sfilate, il contest e dove verranno allestiti mini set per scattare fotografie.


Il filo rosso del festival è ispirato a Dante Alighieri: il sommo poeta, di cui quest’anno si celebrano i settecento anni dalla morte, è anche il protagonista del bellissimo manifesto disegnato da Paolo Barbieri, autore de “L’Inferno di Dante illustrato” edito da Bonelli.

Per consentire un’affluenza più ordinata e sicura possibile, Lucca Crea, la società che organizza il festival del fumetto di Lucca, ne ha ripensato la geografia, andando a individuare luoghi della città finora non direttamente coinvolti. Come la chiesa di San Francesco, dove Simone Bianchi, illustratore lucchese della Marvel e collaboratore di Lucca Comics & Games, ha lavorato all’organizzazione di una nuova rassegna. Il suo nome è Rock’n’Comics: avrà ospiti d’eccezione, con il comune denominatore di essere artisti della musica con la passione per la settima arte. E così, per quattro giorni vivrà in questo contesto un’immersione totale a Lucca Pau (Paolo Bruni), frontman dei Negrita: si è riscoperto disegnatore e pittore durante la pandemia, quando i palcoscenici dei concerti erano banditi. In pochi mesi, attraverso i social, ha conquistato una popolarità inaudita con le sue opere, delle quali Lucca Comics & Games quest’anno ospiterà anche la mostra “Pauhaus rock art gallery”. Come lui Michele Salvemini (in arte Caparezza), i musicisti della gothic band Lacuna Coil e il rapper Shade.

Seppure in forma ridimensionata, non mancherà niente: nel padiglione in piazza Napoleone ci saranno gli stand delle case editrici (ma intensa sarà anche l’offerta multimediale dei nuovi titoli), fra Palazzo Ducale e il palaesposizioni in piazza San Martino le mostre e i giochi (giochi anche al Real Collegio e nell’area della Cavallerizza). Trasloca al polo fieristico di Sorbano il mondo della cultura giapponese, mentre al palasport la scena sarà tutta per i fumetti più tradizionali.

La prevendita dei biglietti è partita ieri, solo online dal sito di Lucca Crea (www.luccacrea.vivaticket.it): i biglietti acquistati devono essere stampati “in casa” dai rispettivi acquirenti e poi presentati nei punti di accoglienza, dove saranno trasformati in braccialetti colorati per l’accesso al festival. Chi entra dovrà esibire il Green pass.

© RIPRODUZIONE RISERVATA