Il festival dei “corti” tra poesia e attualità Iaia Forte ospite d’onore

Gabriele Rizza

Torna a Firenze, sugli schermi delle Murate e di Villa Strozzi, il “Film Corti Festival”, che da oggi a sabato smista un pacchetto di 45 titoli, selezionati fra gli oltre 500 giunti da ben 52 Paesi. “Un panorama internazionale – dicono i responsabili – che conferma l’importanza della nostra manifestazione volta a dare spazio alla creatività delle nuove generazioni e al contempo a dare voce ai temi sociali e ai linguaggi della contemporaneità. Vogliamo offrire l’opportunità di mettere in diretto contatto i giovani autori con l’industria audiovisiva e creare un momento di aggregazione e di confronto tra gli appassionati». Sono diversi i temi affrontati dagli autori che riflettono sul disagio esistenziale, la crisi economica, l’emarginazione, l’immigrazione, il cambiamento climatico, l’ambiente, gli anziani, la disoccupazione, la criminalità e gli effetti della pandemia.


Ospiti saranno Iaia Forte che, reduce da Venezia, accompagna la visione di “Qui rido io” di Martone che la vede fra gli interpreti e poi incontra il pubblico a seguito della proiezione di “Libera”, il film di Pappi Corsicato del 1993 che la fece conoscere al grande pubblico; Claudio Gubitosi, fondatore e direttore Giffoni Film Festival che dialoga con Stefania Ippoliti di Fondazione Sistema Toscana, sulle opportunità che possono aprirsi per i giovani registi grazie alle Film Commission; Francesca Mazzoleni autrice del documentario “Punta Sacra”; Federico Micali coi suoi lavori sui movimenti no-global, occasione per fare il punto sul G8 di Genova, di cui ricorre il ventennale; per finire con Daniele Luchetti che presenta il suo “Lacci” che aperto nel 2020 la Mostra del cinema di Venezia. Ingresso libero.