Ecco sua maestà il cacciucco, a Livorno tre giorni per festeggiare il piatto della tradizione - Il programma 

Dal 17 al 19 settembre sesta edizione dell'inziativa: tanti eventi (non solo gastronomici) al Mercato coperto. Sono ben 32 ristoranti che hanno aderito al progetto

LIVORNO. Cacciucco Pride 2021, sesta edizione per la manifestazione gastronomico-turistica organizzata dal Comune di Livorno con il Lem (Livorno Euro Mediterranea), insieme alla Cooperativa Itinera, nata per valorizzare il piatto tipico della città: la caratteristica zuppa di pesce con cinque "C". Un weekend 17-18-19 settembre ricco di eventi col coinvolgimento dei ristoranti cittadini, e una serie di appuntamenti concentrati al Mercato Centrale "Delle Vettovaglie". «Il Cacciucco Pride - afferma il sindaco Luca Salvetti - è l’appuntamento conclusivo della lunga estate livornese: 18 rassegne, migliaia di presenze, e un grande movimento. Siamo particolarmente soddisfatti, viste le molte persone arrivate da fuori. Livorno ha fatto parlare di se per una proposta culturale sterminata, forza per la città e per la sua economia». L’evento assume quindi il sapore di un bilancio di fine estate. E al riguardo l’assessore Rocco Garufo, sottolinea come l’amministrazione stia lavorando per far crescere il Cacciucco Pride, anno dopo anno, allargandolo nel tempo e nello spazio. «Sono i ristoratori a chiederci di farlo nel mese di settembre - dice - , perché il piatto in questione non si sposa bene al grande caldo. E noi, cogliendo con piacere questo invito, abbiamo fatto un ragionamento sull’opportunità di destagionalizzare qualche evento, allargando il periodo d’azione».

Poi c’è la novità della location «in uno dei luoghi più belli e caratteristici della nostra città, dentro il mercato centrale. L’obiettivo principe è rafforzare la manifestazione, investire per farla diventare corale, che coinvolga più luoghi attraverso la cultura», evidenzia l’assessore.Un programma pieno e per tutti i gusti che prevede show-cooking e degustazioni, laboratori per bambini, incontri con gli autori, spettacoli. I giri in battello lungo i fossi, i canali navigabili medicei. Con ben 32 ristoranti che hanno aderito al progetto.Giovanni d’Agliano, consigliere d’amministrazione del Lem, spiega che «l’enogastronomia è uno dei motori del turismo, e il Cacciucco l’emblema della cucina livornese. E ci sono tantissimi piatti che fanno parte della nostra storia, ricchi di contaminazioni, che possono essere rilanciati. Il Cacciucco è il re e come tale va valorizzato. Occorre puntare sul movimento turistico legato alle tradizioni e alla cucina livornese, che non ha riscontro di tipo comunicativo in italia, e dunque, questa, è un’occasione da non perdere». Laura Giugliano fa parte del team di Itinera, determinante della costruzione del "cartellone".

«Può rappresentare effettivamente un’opportunità di Livorno come destinazione turistica - sottolinea - Il programma è prevalentemente culturale. Tre giorni pensati all’interno del Mercato Centrale, in tre punti diversi: salone centrale, salone delle gabbrigiane, e salone del pesce, ognuno con un genere di proposte tematiche». Scorrendo la locandina incrociamo gli incontri con autori di libri: ci sono i giovani "Mollica’s", e gli esperti Fabio Picchi, Alvaro Claudi e Paolo Ciolli. C’è una guida storica che racconta il Mercato Centrale nei panni dell’architetto Angelo Badaloni. E c’è una conferenza sulla cultura scientifica del cibo e del mare. Solo per fare qualche esempio. Una menzione particolare la merita l’evento di apertura previsto per venerdì alle 19 nel salone centrale: un derby a suon di padelle fuochi tra due cuochi straordinari: il "bocca" di Livorno (Simone De Vanni) e Antonio Malanca di Pisa. «Mare contro terra - dice "bocca" -. Speriamo di far ridere le persone, perché cibo e allegria, sono un connubio perfetto».

Entrambi prepareranno il baccalà alla livornese e il coniglio alla cacciatora, presentati simpaticamente dall’attore Marco Conte. Secondo le regole di prevenzione del Covid-19, essendo gli ingressi contingentati, è necessario prenotare (e avere il Green Pass per gli over 12) per partecipare agli eventi. Per info e prenotazionii: Banco Cultura a Peso, da giovedì a domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. Telefono 366-6170878. Il programma dettagliato aggiornato si può trovare sul sito ufficiale della manifestazione: www.cacciuccopridelivorno.it. Per mangiare il cacciucco al ristorante è consigliabile la prenotazione: sul sito anche l’elenco completo dei locali che hanno aderito all’iniziativa.

IL PROGRAMMA

Ecco il programma del Cacciucco Pride per l’esordio di venerdì.A ogni pentola il suo coperchio: Enciclopedia della Cucina Toscana incontro con I Mollica’s. Mercato Centrale, Salone Gabbrigiane alle ore 19.I Mollica’s Silvia e Mattia, coppia nella vita e nel lavoro e b o Street chef, appassionati e studiosi della cucina toscana presentano la loro Enciclopedia della Cucina Toscana.In collaborazione con La Feltrinelli LivornoIl Cacciucco indossa lo Smoking! Ristorante Cantina Senese dalle ore 20. I Sommelier della Fisar delegazione di Livorno faranno da cornice ai piatti di pesce del noto ristorante. Il Cacciucco dei bambini: amici e nemici del mare: Mercato Centrale, Salone Gabbrigiane alle ore 17. Laboratorio sul pescato sostenibile "Pesca il Nemico!" un gioco in cui sarà possibile liberare il mare dai suoi "ospiti indesiderabili", con l’augurio che non resti un gioco, ma uno stimolo a fare lo stesso ogni giorno, se ne capita l’occasione. A cura di Acquario di Livorno (Costa Edutainment), Sillabe, Opera Laboratori Fiorentini.Dai Fossi Reali all’Arno: Derby gastronomico Livorno-Pisa, Mercato centrale, salone centrale alle 19.Un duello a suon di padelle e fuochi, tra due chef toscani: Il Bocca di Livorno e Antonio Malanca di Pisa. Appassionati ed innamorati delle rispettive città, attraverso i loro piatti, trasmettono la tradizione, la genuinità e la semplicità esaltando il gusto con piccoli segreti tramandati da antiche ricette di una volta. A cura di Chiara Militello. Presenta Marco Conte.Il Cacciucco 5C e i Sommelier Fisar: ristorante Porto di Mare, dalle 19:30. Protagonista il cacciucco e altri piatti della tradizione livornese del ristorante Porto di mare con abbinamenti di vini scelti dai Sommelier della Fisar. Per info: 3662755678.Scampi e bollicine: Mercato centrale, salone centrale dalle 19.45. Degustazione di cruditè di mare accompagnate da un calice di prosecco.Interferenze 2.0: Mercato centrale, salone centrale alle 18.30. Performance coreografica di arte contemporanea. Ideazionedi Chelo Zoppi-Atelier delle Arti, con A. Pucci, M. Rubichi, S. D’Amicis.Tutti i giorni ci saranno i seguenti appuntamenti: Tour in battello dalla Fortezza Nuova, scali delle Pietre ore 19. ( 3405617490 ,3405003356.)Tour in Battello dal Mercato Centrale. Mercato Centrale, ritrovo Salone Gabbrigiane: ore 17, 18 e 18,30. Prenotazioni: 3487382094 e 340.5617490.Videoproiezione, Mercato Centrale. Tour in Battello con cena a bordo, scali delle Pietre, ore 20,30. Per info: 3405617490 e 3405003356..Cacciucco Pride alle Vettovaglie. Degustazine dell’originale cacciucco, Mercato entrale, Salone Centrale, dalle 20,30. Prenotazione obbligatoria: 347.7487020.Tour in Battello con audioguida, scali della Darsena dalle 11.Per info 333.1573372

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA