Ultimi ritocchi, le sculture di Cartasia stanno per uscire

Artisti all’opera nell’ex Cavallerizza per realizzare le opere di Cartasia

Dal 1º agosto si ammireranno in più punti del centro, oltre cento opere esposte al museo del fumetto

Otto statue monumentali nelle piazze cittadine, oltre cento opere per la mostra al chiuso, dodici artisti in residenza, al lavoro da oltre un mese a Lucca; cinquanta persone, tra lavoratori e volontari, impegnate nell’assistenza ad artisti e visitatori. Sono alcuni numeri di Lucca Biennale Cartasia X (LuBiCaX), decima edizione del più grande evento al mondo dedicato alla carta intesa come strumento di espressione artistica e creatività, presentata ieri nell’ex Cavallerizza da Federica Moretti, direttore di Lubica, Emiliano Galigani, direttore artistico diCartasia, Lauro Dini, curatore di Lucca Biennale Off, e Nicolas Bertoux, curatore della mostra Outdoor, hanno presentato la manifestazione e le sue sezioni con il sindaco Alessandro Tambellini, l’assessore alla cultura Stefano Ragghianti, e Nicolò Giusti, marketing di Fosber.

Dal 1° agosto al 26 settembre le statue monumentali, alcune delle quali misurano oltre nove metri, torneranno a impreziosire alcuni angoli suggestivi di Lucca come Palazzo Pretorio, Porta dei Borghi e le piazze Napoleone, Cittadella, San Frediano, San Francesco, Guidiccioni, Santa Maria. Come già accaduto con il Mercato del Carmine, Lucca Biennale Cartasia si prepara a riaprire le porte di un luogo simbolo della città, chiuso da circa dieci anni: il museo del fumetto. Lì, grazie alla disponibilità del Comune, è stata allestita su oltre duemila metri quadrati la mostra con oltre cento opere arrivate da tutto il mondo.


A unire mostra all’esterno e all’interno sarà il tema “Paura e desiderio”, binomio su cui artisti, performer, designer e architetti sono stati chiamati a riflettere per parlare di arte e società con le loro opere. La mostra prevede un biglietto dai 12 ai 6 euro (riduzioni per residenti in provincia di Lucca, over 65 e under 30, studenti e docenti, visitatori con biglietto Trenitalia o Ctt Nord, soci Unicoop, gruppi di almeno 10 persone, visitatori della torre Guinigi e orto botanico). Ingresso gratuito per bimbi fino 10 anni, giornalisti con tesserino, guide turistiche, disabili e accompagnatori. —