Morozzi, Riondino Salemmi, Cantini piazza Venti diventa palco

In alto David Riondino che sarà in scena domenica; sopra a destra Daniela Morozzi e Cocco Cantini sul palco domani

Musica e teatro da domani a domenica. Salvetti: «Grande valenza sociale»

LIVORNO. Lo scorso anno fu inserita nel contesto di Effetto Venezia, quest’anno si muove da sola, su una linea indipendente. Torna on stage “Praticamente Piazza XX”, manifestazione di musica e teatro, nella cornice di piazza XX Settembre, da domani al 25 luglio. Organizzata del centro artistico il Grattacielo, col patrocinio del Comune.

«Un evento con una grande valenza sociale - dice il sindaco Luca Salvetti - perché si svolge in un luogo che rappresenta la storia della città e un luogo attenzionato, con situazioni da affrontare giornalmente, sia dall’amministrazione comunale che dalle forze dell’ordine. E stiamo cercando di farla vivere attraverso momenti come questo».


L’assessore Rocco Garufo ribadisce il concetto. «Per ogni manifestazione c’è un idea di fondo, promozione della città, la questione della sicurezza e il rilancio di luoghi storici: questo facciamo e vogliamo continuare a fare».

Quattro gli spettacoli di un programma incentrato sulla tematica femminile. La partenza, domani alle 21.30, è affidata ad “Articolo Femminile”, con l’attrice Daniela Morozzi e il musicista Stefano Cocco Cantini. La regia è di Leonardo Ciardi.

La rassegna prosegue, venerdì, con “Andy e Melissa, il carteggio di una vita”, che ha come protagonisti Luca Salemmi (anche regista) e Lara Gallo. Con loro il pianista Carlo Bosco.

Sabato è la volta di Eleonora Zacchi, la direttrice artistica del cartellone, che supportata dall’attore Riccardo De Francesca e dalla voce di Chiara Marchetti, propone “Voci di Donne”, uno spettacolo parte del contesto “Mascagni off”, proprio perché affronta le vicende dei personaggi femminili delle opere del maestro livornese.

La chiusura, domenica, è affidata ad un personaggio di spessore nazionale, David Riondino, col suo “Fermata Provvisoria”, una metafora del continuo smarrimento al quale siamo sottoposti quotidianamente.

«Il risveglio del teatro che esce fuori dalle mura e scende in piazza - spiega Zacchi-. Un evento che intende ridare vita ai linguaggi dello spettacolo dal vivo, penalizzati nel periodo di pandemia». Gli spettacoli iniziano alle 21.30 e sono gratuiti, previa prenotazione sul sito www.centroartistico.it, o al numero whatsapp 3407550530. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA