Aretha, Billie, Elvis rivivono sull’onda dei film biografici

Dopo il travolgente successo di “Bohemian Rhapsody” in arrivo una valanga di opere dedicate alle star della musica, anche Madonna e gli Stones ci pensano

Nicola Stefanini

Quello dei film biografici è un genere profondamente radicato e ampiamente frequentato nella storia della cinematografia. Anche se spesso con esiti non proprio esaltanti. Oggi, con discutibile neologismo, questo tipo di film viene chiamato biopic. Dopo che l’Oscar ha incoronato Rami Malek come protagonista del biopic su Freddie Mercury, e il travolgente successo ai botteghini di “Bohemian Rhapsody” (4 statuette complessive e 900 milioni di dollari di incassi) quello dei biopic dedicati a musicisti e pop star sta diventando un sottogenere ghiotto e gettonatissimo, nel quale non esitano a cimentarsi registi di primissimo livello, da Martin Scorsese a Ron Haward fino a Peter Jackson.


È già pronto, ma l’uscita è stata posticipata alla seconda metà di quest’anno, il film biografico su Aretha Franklin. Si intitola “Respect” – uno dei maggiori successi della regina del soul – ed è diretto dalla sudafricana Liesl Tommy. Per interpretare Aretha – scomparsa nell’agosto 2018 a 76 anni – è stata scelta la cantante e attrice, già premio Oscar, Jennifer Hudson. Sembra che sia stata la stessa Aretha, poco prima di morire, a indicarla per la parte.

A febbraio è poi atteso sulle piattaforme “The United States vs Billie Holiday” incentrato sul processo per uso di narcotici cui fu sottoposta la burrascosa cantante già portata sullo schermo da Diana Ross nel 1973. La regia è di Lee Daniels e nel ruolo di Billie ci sarà Andra Day, giovane star del rhythm and blues.

L’irlandese Ruairi O’Connor sarà invece il turbolento Buddy Holly – stella del rock and roll anni 50 – nel biopic diretto da Bruce Beresford. Il rapper Nelly sarà Chuck Berry nello stesso film. E restando sul fronte rock and roll c’è grande attesa per quello che Baz Luhrmann riuscirà a realizzare raccontando la storia di Elvis Presley, con Austin Butler nel ruolo del cantante, mentre Tom Hanks sarà il Colonnello Parker. Il film è in lavorazione e l’uscita è prevista a novembre prossimo.

C’è anche Madonna, che ha fatto sapere di essere al lavoro per scrivere insieme a Diablo Cody la sua storia. Difficile immaginare chi interpreterà sul set Louise Veronica Ciccone. E dal Regno Unito rimbalza la notizia che sono in corso i lavori per un biopic sui Rolling Stones. Il film racconterà la storia della realizzazione del doppio album “Exile on main street”. Siamo nell’estate del 1971 e i Rolling Stones stanno vivendo un periodo difficile, a causa della rottura con il manager Allen Klein, i guai col fisco e gli abusi di droga. Mistero e curiosità sul cast.

A fianco del filone dei film biografici su musicisti, si ingrossano le file anche dei documentari sempre con pop o rock star protagonisti. Peter Jackson, Oscar per “Il signore degli anelli”, sta per completare il suo, dedicato ai Beatles. Si chiama “Get back”, l’uscita è prevista per agosto e si basa su 60 ore di filmati e più di 150 di audio per la gran parte inediti. Martin Scorsese sta invece lavorando su un progetto dedicato alla scena musicale della New York anni 70, in particolare sul punk, con i Ramones in prima fila. Mentre Ron Howard intende regalarci un Louis Armstrong come non lo abbiamo mai visto né sentito. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA