Il “tempo” filo conduttore della prima edizione del Festival delle scoperte