Gente vera sullo schermo e l’emozione del dialetto