Quando il Cenacolo diventa teatro, Michele Sinisi “rilegge” Leonardo