Malvaldi, Maggiani e Sgarbi “La Bella estate” tra libri e politica