Marini, Tintori e Ciatti La “scuola pratese” di Giotto

La città tessile fa risplendere gli affreschi del Maestro fin dall’Ottocento  Il soprintendente: «La più grande emozione sarà rivedere i colori originali»