Basket, più posti al PalaCarrara: riaperta la campagna abbonamenti

Federico Guidi

pistoia. Il Pistoia Basket ha deciso di prorogare di altre due settimane la campagna abbonamenti. Una scelta dettata anche e soprattutto dall’aumento della capienza dei palazzetti italiani, passata dal 35% al 60% da questo lunedì. Una boccata d’ossigeno per tutti gli sport al chiuso con pubblico, ed ovviamente anche per il sodalizio biancorosso che ha visto salire notevolmente la capienza del PalaCarrara, che con le nuove disposizioni potrà accogliere fino a 2370 spettatori, quasi mille in più rispetto ai 1380 sin qui concessi dalle restrizioni dovute alla pandemia da covid-19. Ieri, contestualmente alla proroga della campagna abbonamenti fino alla gara casalinga con Trapani del prossimo 24 ottobre, la società ha anche comunicato il dato degli abbonamenti sottoscritti: 600 tessere staccate. Un dato che, se paragonato alle 1000 tessere potenzialmente sottoscrivibili e messe in vendita dal club, testimonia una risposta tiepida della piazza. La campagna abbonamenti “Ritorno a casa”, la prima dall’autoretrocessione in A2, ha sin qui ottenuto numeri ben diversi rispetto a quelli delle ultime stagioni, dato che nelle ultime due in massima serie il Pistoia Basket aveva staccato 1690 e 1627 tessere. Un numero, quello attuale, ad ora più che dimezzato, solo in parte giustificabile con la pandemia e il salto indietro di categoria. Il club biancorosso ha anche fatto sapere che tutti coloro che sono muniti dell’abbonamento alle gare interne dei biancorossi potranno assistere gratuitamente anche alle partite interne del Futsal Pistoia, sempre al PalaCarrara. Infine, per tutti gli abbonati che avessero la necessità di sostituire i posti numerati inizialmente assegnati, è possibile farlo scrivendo una mail a biglietteria@pistoiabasket2000.com oppure presentandosi fisicamente al botteghino di via Fermi giovedì dalle 15 alle 19.30. Questa la dichiarazione del direttore generale Maurizio Laudicino: «Seicento abbonamenti venduti sono un bel traguardo e il dato è destinato ad aumentare, dato che la promozione per il nostro settore giovanile è ancora attiva. Dato l’entusiasmo che si è respirato contro Cantù abbiamo deciso di tenere aperta la campagna fino alla gara con Trapani, ovviamente decurtando l’importo della prima gara dal costo complessivo. Siamo soddisfatti perché, nonostante la corsa a ostacoli che abbiamo dovuto affrontare e gli inevitabili disagi a cui abbiamo costretto i nostri tifosi, siamo riusciti a presentare uno spettacolo accettabile. Le sbavature che ci sono state saranno corrette nei prossimi giorni andando incontro alle richieste di tutti gli appassionati, in particolare per quanto riguarda il cambio dei posti numerati assegnati. Ci auguriamo che questo sia un punto di partenza e non un punto di arrivo, visto che con l’aumento della capienza avremo quasi mille posti in più da riempire».


© RIPRODUZIONE RISERVATA