I collari d’oro del 2020 consegnati ai campioni dell’anno del Covid

Presenti molti atleti e dirigenti di tutte le federazioni I riconoscimenti del 2021 il 20 dicembre con Draghi 

Il premio

Il meglio dello sport italiano per i successi del 2020. I campioni azzurri in passerellai a Milano in occasione della consegna dei Collari d'Oro del Coni, la massima onorificenza dello sport italiano, na relativi all'anno 2020 quando causa Covid la cerimonia non si effettuò. Per festeggiare lo invece il 2021 occorrerà aspettare il 20 dicembre a Roma, alla presenza del presidente del Consiglio Mario Draghi. Con tuttala soddisfazione del presidente del Coni Giovanni Malagò "Un motivo in più che rende onore a questa cerimonia", ha detto. «Questa è "una festa non solo del Coni e delle federazioni, ma una festa dello sport e dell'Italia. Abbiamo resistito agli effetti della pandemia, ci tenevamo moltissimo a celebrare tutte le persone che avrebbero dovuto ricevere il collare d'oro alla fine del 2020».


Lungo l'elenco dei premiati con il Collare d'Oro, comprese anche cinque società ultracentenarie come il Cagliari Calcio, l'US Asiago, i Canottieri Livornesi, il Circolo Spada Vicenza e la Bocciofila Savonese. All'Agenzia Ansa è stata consegnata la Stella d'oro al merito sportivo, ritirata dal responsabile della redazione Sport, Piercarlo Presutti, così come a Sport Mediaset, per il quale sul palco ha ritirato il direttore Alberto Brandi. Collare d'oro al quotidiano Tuttosport, col suo direttore Xavier Jacobelli.

Sul palco sono saliti anche Sabatino Aracu (presidente Fisr) e Riccardo Fraccari (presidente World Baseball Softball Confederation). E non sono mancati i premi anche per numerosi atleti che hanno conquistato il titolo iridato prima del 1995, in questo caso vela e ciclismo, con campioni come Francesco Moser e Gianni Bugno, mentre sono stati premiati con la Palma d'Oro al merito tecnico, tra gli altri, Sergio Scariolo e Massimo Barbolini.

«Veniamo da un momento di pandemia che ha condizionato tutto, ma questa cerimonia ci dà il termometro del momento dello sport italiano, un momento magico che oggi celebriamo qui», ha sottolineato il sottosegretario con delega allo Sport, Valentina Vezzali. "Sono molto onorata di essere qui in rappresentanza del Governo in uno dei momenti più importanti dello sport italiano. Ho ricevuto il premio durante la carriera e so qual è la valenza di questo riconoscimento, che va a chi è riuscito a far sventolare il tricolore in alto nel mondo».

Vezzali ha parlato anche di altri argomenti, tra cui il ritorno degli stadi di calcio alla massima capienza (100%) dicendo espressamente che presto questo accadrà. »Per la gioia di tifosi e naturalmente i Club.