Fondatori succede a Bonechi Guiderà la Holding Arancione

«Il mio sarà un ruolo istituzionale di garanzia verso i soci e i possibili  nuovi investitori ma non ci occuperemo della gestione sportiva della società»

Leonardo Agostini

pistoia. È Fabio Fondatori il successore di Andrea Bonechi alla guida della Holding Arancione, società di imprenditori e professionisti che detiene la proprietà della Us Pistoiese 1921 srl. Trova dunque un nuovo detentore la carica di presidente della Holding, vacante dal dicembre scorso, quando a seguito di alcune minacce Bonechi aveva presentato le proprie dimissioni, continuando comunque a svolgere un ruolo di garanzia nei mesi successivi, quando - concretizzatasi la retrocessione in Serie D - si era paventava l’ipotesi che la famiglia Ferrari lasciasse le proprie quote aprendo alla cessione della Pistoiese. «Ringrazio il presidente uscente Bonechi e la proprietà per la fiducia e l’incarico ricevuto - ha commentato Fabio Fondatori, a più riprese dirigente della Pistoiese (club manager almeno fino a l’altro ieri) e adesso presidente della Holding Arancione. Per me è un onore e una responsabilità importante. Per quello che la Pistoiese rappresenta nella storia dello sport pistoiese e nel mondo del calcio professionistico». Un incarico importante e delicato, come hanno rivelato gli ultimi accadimenti; di raccordo tra l’anima più appassionata della tifoseria e gli ambienti imprenditoriali del territorio e non. «Voglio subito chiarire che il mio sarà un ruolo istituzionale di garanzia verso i soci e i possibili nuovi investitori – ha proseguito – Spero di essere all’altezza dell’incarico e conto sull’aiuto e sul sostegno dei soci per rilanciare anche il ruolo della holding nel dialogo con le istituzioni, la tifoseria e il mondo sociale ed economico pistoiese. La holding non si occupa, né si è mai occupata, della gestione sportiva della Pistoiese ma è un gruppo di appassionati veri; persone che in questi anni hanno investito energie, idee, tempo e risorse per sostenere la Pistoiese. Nella buona e nella cattiva sorte, questo gruppo di persone non ha mai fatto mancare il suo sostegno agli arancioni». Una missione difficile per Fondatori, chiamato a ricoprire l’incarico di presidente della Holding Arancione in un momento particolarmente delicato della storia, globale e della Pistoiese. Difendere il calcio professionistico sarà senz’altro il traguardo più importante del suo mandato. «Personalmente mi metto a disposizione con umiltà, passione e buona volontà – ha concluso Fondatori – Ci vuole anche una certa dose di coraggio e di incoscienza per farlo in questo momento ma è proprio quando ci sono le difficoltà che si vedono gli amici e questo spero di essere per la Pistoiese. Rivolgo infine una sincera richiesta di sostegno alla città e al mondo arancione per stare tutti uniti e vicini alla squadra in questa nuova esperienza in Serie C».


© RIPRODUZIONE RISERVATA