Il pratese Caselli convocato in azzurro per i Mondiali 2021

Alberto Caselli

La manifestazione iridata si svolgerà a Chianciano Terme dal 23 settembre e vedrà gli azzurri debuttare contro la Bulgaria

PRATO. Dopo il raduno di Varese della scorsa settimana è arrivata la conferma della convocazione per Alberto Caselli al prossimo Mondiale di Volley Sordi che si disputerà a Chianciano-Chiusi.

Nel periodo dal 23 settembre al 3 di ottobre verrà designata la squadra che succederà alla Turchia campione negli Usa nell'ultima edizione disputata. Il giocatore ,in forza alla Pieve Volley in serie C, completa così un bel tris dopo avere partecipato a due Europei ed una Olimpiade. Non sarà il solo toscano, infatti sono stati convocati anche il pisano Lorenzo Verdecchia del Migliarino e, come secondo allenatore, Teodoro Fischetto da Livorno.


Gli azzurri guidati da mister Matteo Zamponi di Macerata, allenatore Lube, esordiranno il 23 settembre contro la Bulgaria per poi finire il girone affrontando Russia e Iran nella più classica delle rivincite dopo l'eliminazione che ancora oggi brucia tantissimo alle Olimpiadi turche. Poi i quarti di finale e dopo chissà.. Ecco tutti gli altri convocati sotto la direzione del dt Diego Pieroni da Senigallia, Valerio Aquilani, Simone Ianiro da Roma, Lorenzo Cavasin (Treviso), Riccardo Dell'Arte (Catania); Riccardo Hoffer (Trento), Marco Malfasi (Forlì), Giovanni Morrone (Cesena), Alessandro Pongiluppi (Verona), Marco Scorpecci (Corridonia), Silvio Siviero (Varese), Enrico Zappavigna (Genova), Lorenzo Scordino (Parigi).

Convocazione il 18 settembre per il pre raduno a Cerreto Guidi organizzata dalla Cerretese Volley sino al 21 poi il trasferimento a Chianciano per cominciare l'avventura iridata. Tanti sogni e speranze nel cassetto per la ricerca di una medaglia che manca da troppo tempo al collo degli azzurri.

Queste le aspettative del pratese Alberto Caselli: «Abbiamo lavorato duro nei raduni per cercare di arrivare almeno alla semifinale, poi vedremo». Gli avversari i soliti di sempre. «Certo Russia ,Turchia e Ucraina fra le europee e non sottovalutiamo Iran con il quale abbiamo un conto in sospeso». Comunque giocate in casa non potete sbagliare. «Certo daremo il 110 per cento non vogliamo avere nessun rimpianto è cercare una medaglia che abbiamo sfiorato troppe volte».

© RIPRODUZIONE RISERVATA